È possibile mangiare aringhe con vermi

Gli elminti nell'aringa possono essere visti abbastanza spesso. Il corpo di pesce è l'ambiente più favorevole per il loro sostentamento.

L'aspetto e la riproduzione dei parassiti provocano la temperatura dell'acqua e il loro habitat. Con molta cautela è necessario trattare il consumo di pesce per il cibo, specialmente quando non viene sottoposto al trattamento termico appropriato.

Ma i vermi sono pericolosi per gli umani nelle aringhe ed è possibile mangiare tali pesci?

Quali vermi si trovano nelle aringhe

Molti si chiedono se non ci possono essere vermi in aringa e quali tipi sono. I tipi più comuni di elminti nei pesci includono:

Dopo la penetrazione nel corpo umano, la tenia cresce fino a un metro di lunghezza. Per sei mesi dopo l'infezione, la loro presenza è molto difficile da identificare. Nel processo della vita producono sostanze tossiche che hanno un impatto negativo sul sistema digestivo.

Questo tipo di nematodi nelle aringhe, le cui foto possono essere visualizzate di seguito, è pericoloso non solo per gli animali, ma anche per le persone. Possono essere ingeriti mangiando aringhe che non sono state sottoposte a trattamenti termali e durante il nuoto.

Dooctofyma vive in altre specie di pesci. Dopo essere entrati nel corpo, iniziano a moltiplicarsi nella vescica, nell'uretere e nei reni.

Per impedire loro di entrare nel corpo, non puoi fare il bagno in luoghi sconosciuti e lavarti le mani con sapone dopo una partita con animali domestici. Inoltre, non dovresti comprare pesce fresco congelato che sia già stato tagliato.

La malattia postodiplostomica è caratterizzata dalla comparsa di punti neri sulla pelle delle aringhe. Coprono completamente tutto il corpo. Ma in certi casi possono essere solo sulla pancia.

I punti appaiono come risultato dello sviluppo delle larve bianche nell'aringa. Nel processo della vita formano uno speciale film protettivo sotto forma di piccole bolle. All'interno di ciascuno di essi contiene un liquido nero. Come la crescita del gel, le bolle iniziano a scoppiare e le macchie si diffondono sulla superficie della pelle.

È importante! Per un uomo, le larve postdipliptomosi non sono pericolose. Dopo il trattamento termico, la carcassa colpita da tali punti può essere mangiata.

Appartengono ai tipi più pericolosi di vermi. Le larve dei flauti sono chiamate opistorchis. Dopo essere entrati nell'ospite, hanno bisogno di meno di un mese per arrivare al fegato e passare attraverso tutte le fasi della trasformazione da larva a verme.

Come risultato della loro attività vitale, il tessuto fibroso si forma come un luogo sano. Questi parassiti nell'aringa, penetrando nel corpo umano, provocano malattie come:

C'è un tipo di alluvione che cresce negli occhi della loro vittima. Attraverso l'uso di aringhe nel cibo non possono essere infettati.

Ma i vermi possono apparire in un animale domestico che è stato nutrito con pesci infetti. Possono raggiungere una persona solo attraverso un animale. Per evitare l'infezione, è necessario lavarsi le mani dopo ogni contatto con l'animale.

Pericolo per l'uomo

Gli specialisti hanno identificato tre principali malattie, il cui sviluppo può essere provocato dai vermi. Ognuno di loro è una malattia piuttosto grave e non è sempre possibile riconoscere i sintomi subito dopo l'infezione.

Anizakidoz

La malattia appare come risultato dell'ingresso di larve di vermi nell'intestino. Provocano sanguinamento mordendo le pareti del colon. In questo caso, la persona avverte un forte dolore all'addome.

In alcuni casi, possono verificarsi diarrea o vomito. Tutti i sintomi sono simili al solito avvelenamento. In questi casi è possibile un esito fatale, se durante o non consultare uno specialista o chiamare un'ambulanza.

Le larve di vermi si piegano solo a una temperatura di 70 gradi. Pertanto, per sbarazzarsi di loro il pesce affumicato non aiuterà. Nella foto puoi vedere quanto sono pericolosi per gli umani i parassiti nell'aringa.

Opistorchiasi

La malattia può provocare un colpo di gatto. Questo tipo di parassita è solitamente trasportato da animali predatori. In alcuni casi, possono allevare pesci, ad esempio carpe. In aringhe, sono estremamente rari.

Le larve si parassitano nel loro ospite, nell'allevamento nel fegato e nella cistifellea. Entra anche nell'intestino tenue. Come fanno questi vermi nell'aringa, puoi vedere nella foto.

bothriocephaliasis

L'agente eziologico della malattia è un ampio nastro. Uno dei rappresentanti di questo tipo di worm è una tenia. Alcuni di loro possono raggiungere fino a 26 metri di lunghezza. Priliche nel corpo umano insieme a pesce scarsamente cotto o crudo. Tipicamente, la diphyllobothriasis è interessata in Giappone, dove il sushi è molto popolare.

Per sei mesi, la malattia procede senza sintomi. Poi c'è nausea e stitichezza, che sono sostituite da diarrea. Il vomito è anche possibile.

Non tutti i parassiti possono essere pericolosi per la salute umana. Il trattamento termico e la corretta preparazione delle aringhe contribuiranno a prevenire lo sviluppo delle suddette malattie.

Come riconoscere l'aringa infetta

Al fine di evitare gravi conseguenze dopo aver mangiato aringhe, è necessario sceglierlo attentamente al momento dell'acquisto. Questo vale sia per il pesce fresco che per quello salato. I vermi in aringhe salate si trovano spesso come in congelati.

Stabilire la presenza di parassiti può essere per diversi motivi:

  1. Dopo aver premuto un dito sul pesce, si forma un'ammaccatura che persiste a lungo.
  2. Gli occhi di un pesce infetto sono opachi o l'ombra è presente.
  3. Le branchie hanno un odore o colore sgradevole che non è tipico per loro.
  4. In aringhe con spirale di vermi e non solo, l'addome gonfia innaturalmente.
  5. Durante l'eviscerazione dei pesci, le squame si separano facilmente dalla pelle.
  6. Quando viene rimosso, gli organi interni odorano di zolfo o putrefazione.
  7. La pelle può essere appiccicosa o ricoperta di muco.
  8. Se si cuoce la zuppa con tale pesce, non si formerà un film grasso sulla superficie, ma i galleggianti di colore bianco galleggeranno.

Come i vermi guardano in aringhe salate e cosa fare, puoi vedere nella foto.

Il pesce salato può essere la causa principale dello sviluppo dell'elmintiasi negli esseri umani. Di solito davanti a un ambasciatore per scopi industriali, non subisce un'elaborazione adeguata. È meglio non usare tali pesci, poiché i vermi in esso contenuti sono abbastanza vitali.

È importante! Qualsiasi pesce è meglio acquistato in negozi specializzati. In un pizzico, questo può essere fatto in un centro commerciale, in quanto la qualità dei prodotti è controllata lì. Così puoi proteggerti dall'acquistare pesce infetto di bassa qualità.

Come disinfettare il pesce

Per i vermi non è diventata la base per lo sviluppo dell'elestiasi negli esseri umani, è necessario sapere come gestirlo correttamente.

Prima di tutto, dopo l'acquisto, anche il pesce fresco dovrebbe essere congelato.

Molti parassiti che possono trovarsi nei pesci muoiono a una temperatura di almeno -20 gradi.

Prima di cuocere le aringhe, deve essere tagliato e rimosso il film nero. Ci sono larve e vermi. È anche necessario ricordare che è necessario friggere e cuocere il pesce per 20-30 minuti.

Il trattamento termico uccide le larve dei vermi nell'aringa, come nella foto. Le torte di pesce dovrebbero essere cotte al forno per almeno mezz'ora.

Un trattamento termico prolungato aiuterà a liberarsi completamente dai parassiti.

Seguendo semplici regole contribuirà a mantenere la salute e prevenire la comparsa di vermi nel corpo.

È possibile mangiare aringhe con vermi

Molti sono interessati alla domanda: è possibile mangiare aringhe con i vermi? I vermi di pesce sono circa 300 tipi. Ma non tutti rappresentano una minaccia per la salute umana.

Secondo gli standard sanitari, l'aringa può essere messa in vendita in presenza di cinque parassiti morti sul suo corpo. È considerata abbastanza sana. Affinché il pesce possa essere mangiato, è sufficiente pulire le interiora e cucinare correttamente.

Prima di mangiare pesce, è necessario assicurarsi che i parassiti siano morti. Non saranno più in grado di danneggiare il corpo.

conclusione

Tutte le malattie che provocano i parassiti dei pesci sono molto difficili da trattare. Molto spesso sono confusi con il solito avvelenamento.

Il verificarsi di sintomi spiacevoli è meglio prevenuto con un trattamento adeguato delle aringhe. È possibile proteggersi dai vermi solo con una corretta preparazione del prodotto.

Vermi nell'aringa: sono vermi e parassiti pericolosi e cosa fare?

Gli elminti vengono trasmessi agli esseri umani in diversi modi: attraverso le mani sporche, attraverso il terreno o l'acqua da serbatoi aperti, da una persona già infetta e attraverso il cibo. Puoi essere infettato dai vermi mangiando una mela caduta da un albero.

Ed è possibile attraverso l'aringa. Spesso quando si tagliano vermi di aringhe salate si trovano all'interno - mostrato nella foto.

Cosa succede se i nematodi si trovano nelle aringhe? Questi parassiti sono pericolosi per l'uomo?

Ci sono vermi nell'aringa

È noto che in quasi tutti i pesci, comprese le aringhe, ci sono vermi parassiti. Sono pericolosi per gli umani? Vale la pena di capire in modo più dettagliato.

Gli elminti che si trovano nel pesce crudo sono altrettanto pericolosi per gli umani come quelli con cui possono essere infettati da mani sporche, sabbia o acqua. Ma allo stesso tempo ci sono alcune regole che consentono un numero fisso di vermi - in questo caso, il pesce e i prodotti da esso non saranno pericolosi per l'uomo.

Inoltre, quei parassiti che vivono nei pesci, nella maggior parte dei casi, non rappresentano una minaccia per la salute umana, anche se entrano nel corpo. La salatura non risparmia completamente dai vermi: i parassiti muoiono solo durante il congelamento prolungato.

Pertanto, se si sospetta che il pesce non sia di alta qualità, è meglio non comprarlo e, se è già a casa in cucina, dovrebbe essere completamente congelato prima di cuocerlo. I parassiti in questo modo saranno sicuramente distrutti.

Quali parassiti sono nell'aringa

I parassiti "escono" come scottati!

Già al mattino i parassiti "volano via" con un fischio.

La foto mostra come appaiono più spesso i parassiti che vivono in pesci salati. Questi sono anisakidi elminti. Molto spesso vengono trovati, ed è loro che sono molto pericolosi per gli umani. Se entrano nel suo corpo, sceglieranno l'intestino. Nei casi più gravi, un paziente infetto si presenta sul tavolo con sintomi di un'appendicite infiammata. La foto mostra i parassiti di questa specie.

Un'altra tenia che può nascondersi in un pesce e rappresentare un rischio per la salute umana è la tenia. Di solito muore se il pesce è ben salato o affumicato. Ma con un'elaborazione di scarsa qualità, i parassiti conservano le funzioni vitali e possono essere molto pericolosi per l'uomo.

Il più pericoloso per una persona è la ligulosi, una malattia che può essere infettata se si mangia pesce infetto. I parassiti che lo causano possono raggiungere i due metri di lunghezza. Questo solitario, in crescita, ferisce gli organi interni di una persona, interrompendo il loro funzionamento. Il paziente soffre di forti dolori, oh, il peggio non è quello.

La tenia getta nel sangue di una persona infetta i prodotti della sua attività vitale, che sono molto tossici. Il paziente porta in ospedale con sintomi di grave intossicazione. Fortunatamente, se ci sono tali parassiti nel pesce, è facile da determinare visivamente. La carcassa di pesce sarà esausta, ma la sua pancia sarà allargata, come se fosse gonfia. Quando si taglia il soliter, questo si noterà negli organi interni.

Mangiare questo pesce non ne vale la pena, anche se è bene friggere o bollire, dopo averlo congelato per diversi giorni. Nella sua carne e ossa, possono essere conservate uova e larve, che sono molto pericolose per la salute umana.

Inoltre, ci sono parassiti localizzati negli organi del sistema urinario di una persona. Colpiscono la divisione coppa-bacino, questa patologia è chiamata dioctofimosi e la sua principale manifestazione è la colica renale sullo sfondo della disfunzione renale.

L'unica cosa che può essere fatta con questa forma di invasione è quella di far funzionare il paziente per rimuovere chirurgicamente la tenia.

Cosa fare per non essere infettati

Quindi, ci sono modi per impedire ai vermi di invadere il pesce? Alcuni diranno che il modo più affidabile non è di mangiare pesce. Questo è da un lato così. Ma d'altra parte, il pesce è un prodotto molto utile, non vorrei rifiutarlo completamente. Quali precauzioni esistono?

In primo luogo, quando acquisti pesce devi prestare attenzione al suo aspetto. Ci sono alcuni segni con cui è possibile determinare non solo la freschezza del prodotto marino o fluviale, ma anche se è infetto da parassiti o meno. Uno di questi - macchie sulla pelle. Se sulla pelle del pesce sono visibili macchie scure o addirittura nere, molto probabilmente i pesci non sono di buona qualità e sono infetti da vermi.

In questo caso, si tratta di una malattia come la post-displasia. I punti, di regola, appaiono in quei posti in cui le larve di vermi si trovano sotto la pelle. Nei luoghi in cui gli adulti sono localizzati, non si formano punti, poiché non sono racchiusi in una capsula. Postodiplotstom non è pericoloso per l'uomo, perché tale pesce può essere mangiato se ha subito un trattamento termico sufficiente.

Inoltre, non dovresti rifiutare di gettare il pesce se si riscontrano parassiti rotondi sotto la bilancia. Questa specie danneggia solo gli organi interni del pesce, ma non la persona. Un'altra domanda è che la carne di pesce, impoverita dai parassiti, contiene meno sostanze nutritive, sarà di per sé meno utile.

E le ultime specie di parassiti che si possono trovare nei pesci crudi o salati sono i piccoli raffreddori. Di solito si sistemano negli organi di visione del pesce e non rappresentano alcuna minaccia per la salute umana.

In altre parole, se i piccoli vermi si trovano negli occhi o sotto le squame dei pesci, ciò non significa che non sia adatto al consumo umano. Questi tipi di parassiti non interagiscono con gli organi umani.

Cos'altro hai bisogno di sapere sui vermi nei pesci

Solo quei vermi che vivono in una persona sono pericolosi - vale la pena ricordare a chiunque sia prevenuto nei confronti di pesce salato o essiccato. Anche se un tale prodotto è infetto da parassiti, per una persona non è una fonte di infezione, nei suoi organi interni i parassiti moriranno. Le persone non soffrono di quelle forme di elmintiasi, di cui soffrono i pesci.

Ma per una persona malattie come la ligulosi, la difillobotriosi, l'anisacidosi sono pericolose. La difficoltà è che tutte queste patologie manifestano sintomi di altre malattie e non è così facile riconoscerle. Il più delle volte, il paziente va dai medici con segni di intossicazione grave o avvelenamento e solo dopo un esame approfondito può identificare i vermi.

C'è un mito che se un pesce è ben salato, è impossibile ottenere vermi. Questo non è completamente vero. Il sale è un ambiente sfavorevole per i parassiti. Ma non per le loro uova. Gli adulti e le larve possono morire, ma le uova rimarranno e una persona potrebbe ammalarsi mangiando questi pesci.

Sia le uova che i parassiti adulti muoiono solo a temperature molto basse. Pertanto, è sempre più sicuro acquistare pesce fresco congelato rispetto al pesce crudo, soprattutto in mercati spontanei in cui il prodotto non è sottoposto a nessun controllo di qualità. Un accurato trattamento termico ridurrà a zero i possibili rischi, anche se durante il taglio si riscontrano vermi sospetti. La questione del valore appetitoso e nutrizionale di un tale prodotto, tuttavia, rimane in questione.

Quasi nessuno vuole mangiare pesce, trovandolo, anche se innocuo per gli umani, ma comunque parassiti.

I parassiti più pericolosi delle aringhe

Nella maggior parte dei casi, l'infezione da vermi da aringa e pesce porta generalmente a reazioni allergiche e disfunzione dell'intestino. Ma in alcuni casi, se il tempo non fornisce assistenza al paziente, la morte è possibile. Quali sono i parassiti più pericolosi?

L'anisacidosi spesso non viene riconosciuta fino al momento in cui il paziente è sul tavolo operatorio con sospetta appendicite. Solo aprendo la cavità addominale, i medici scoprono il parassita. Può raggiungere i 4 cm di lunghezza, solitamente attorcigliati o in un anello stretto, o in una spirale, il colore del parassita è bianco.

La cosa più pericolosa è che se il parassita migra su uno qualsiasi degli organi vitali, qui la lista delle uova si assesterà per un lungo periodo. Se il fegato è interessato, il parassita attiverà lo sviluppo della cirrosi epatica. Se il verme penetra nel cuore, il rischio di danno miocardico è alto. Pertanto, ai primi sintomi sospetti - dispepsia cronica, problemi intestinali, debolezza - si dovrebbe consultare un medico e fare il test.

Diphyllobothriz non è meno pericoloso. In questa patologia, i sistemi nervoso e circolatorio soffrono, si sviluppa anemia da deficienza del folio. La complicanza pericolosa del sistema nervoso centrale è la mielosi. Senza cure mediche, il paziente può seriamente soffrire e persino morire. Con diottofimosi, i reni e il sistema escretore sono colpiti.

Evitare le conseguenze fatali dopo aver mangiato pesce aiuterà queste regole:

  • Non comprare pesce salato debole;
  • Se il pesce è sospetto, congelare per almeno 48 ore;
  • Compra le aringhe solo in posti provati.

Se ha sintomi sospetti, deve consultare un medico il prima possibile. Perché le aringhe sono infette da worm: a questa domanda verrà data una risposta aggiuntiva dal video in questo articolo.

Vermi nell'aringa: foto di parassiti pericolosi, è possibile mangiare aringa infetta

L'aringa è uno dei cinque pesci "campione", il cui volume di cattura è pari al volume di cattura delle restanti 9000 specie di pesci catturati dalle persone. Sullo sfondo di una così alta prevalenza di questo prodotto, il mito che non ci siano parassiti nei pesci marini e oceanici appare particolarmente pericoloso. Quindi, secondo autorevoli fonti scientifiche, il 100% delle aringhe estratte negli oceani Pacifico e Atlantico sono infettate con nematodi. Cerchiamo di scoprire quanto sono pericolosi i vermi per una persona in aringa e se è possibile mangiare pesce infetto da vermi.

Quali parassiti infettano l'aringa

La percentuale di pesce infetto da elminti (estensività dell'infezione), il numero di elminti nel pesce (intensità dell'infezione) e infine la diversità di specie della fauna parassitaria è diversa anche all'interno di una specie di pesce, mentre l'aringa è un genere, non una specie.

Questi indicatori sono interessati da:

  • specie e sottospecie di pesci (ci sono 5 specie di aringhe e molte sottospecie (solo 5 aringhe dell'Atlantico ne hanno 5), oltre alle mandrie con le loro caratteristiche);
  • età del pesce;
  • habitat del pesce;
  • periodo dell'anno.

Quindi, uno studio condotto nel 1956 dal parassitologo russo S.S. Schulman ha mostrato la presenza di 17 specie di parassiti nelle aringhe del Mar Bianco (una delle mandrie di aringhe del Pacifico, una sottospecie dell'aringa atlantica).

In un articolo scientifico N.L. Aseeva e A.N. Smirnova, pubblicata nel 2014, presenta i risultati dello studio che ha già archiviato Sea of ​​Okhotsk. In 353 esemplari di pesci sono state trovate 20 specie di parassiti, tra cui:

  • nematodi (nematodi) - 4 specie;
  • cestodi (tenie) - 2 specie;
  • trematodi (digene digenetiche) - 5 specie;
  • graffi (vermi pungenti) - 5 specie;
  • coccidi (la sottoclasse più semplice) - 1 specie;
  • Myxosporidia (una classe di invertebrati microscopici) - 3 specie.

In totale, 27 specie di parassiti sono state identificate nell'aringa del Pacifico.

Quindi, "pesce di mare senza parassiti" è solo un mito, diffuso dal popolo o dall'ignoranza, o intenzionalmente da commercianti disonesti.

La diversità di specie dei parassiti delle aringhe può essere considerata piccola: per confronto, 100 specie di parassiti sono state trovate nel pollock e rappresentanti di una sola sottofamiglia di carpe - simile alla ceca - trasportano 71 specie di parassiti. Tuttavia, l'estensione dell'infezione tra le aringhe (cioè la percentuale di pesci infetti) è molto più importante, poiché la presenza di almeno un tipo di parassita pericoloso per le persone è più importante dell'infezione di centinaia di specie non pericolose.

Nell'aringa, solo i nematodi della famiglia Anisakidae (sono gli agenti causali dell'anisacidosi) e i vermi spinosi del genere Corynosoma (sono gli agenti causali della cinosomiasi) sono pericolosi per l'uomo. I trematodi e i cestodi (tenie) che vivono in esso, anche se mangiati, non saranno in grado di infettare una persona e moriranno nel suo tratto digestivo.

Sfortunatamente, nonostante un numero così limitato di pericolosi per le specie umane di parassiti, sono gli anisakidi che vivono più spesso nelle aringhe.

Quindi, secondo uno studio di A.A. Smirnova, dal 40% (nella Baia del Golfo di Tauiskaya) al 76% (nella parte principale della zona acquatica), l'aringa del Mare di Okhotsk è infettata dalle larve di questi vermi letali.

Studio I.G. Rybnikova e V.I. La scimmia ha mostrato che in diverse baie del Mare di Okhotsk, l'infestazione di aringhe con anisidi è ancora più elevata: nella Baia di Piltun - 83%, nella Baia di Nyisky - 84%. L'estensione dell'infezione nel lago Tunaicha sull'isola di Sakhalin è estremamente elevata - 95%.

La più alta percentuale di infezione ha rivelato uno studio NP. Sedova e O.D. Bohinj. Tra i 100 esemplari di aringa atlantica acquistati a Balashov (regione di Saratov), ​​tutti e 100 sono stati infettati da anisidi.

Per quanto riguarda i cornios (raschietti del genere Corynosoma), essi sono, secondo lo studio già citato da S.S. Shulman, sono relativamente rari. Le aringhe sono state studiate da due baie del Mar Bianco - la Baia del Mar Nero e la Baia di Gridinsky. Nella prima baia, il 13% dei pesci era infetto dai corinosomi, nel secondo non un singolo pesce dal campione.

Come rilevare i parassiti pericolosi nell'aringa

Non dobbiamo dimenticare che gli anisakidi sono una famiglia di nematodi e non una specie. Tra i rappresentanti di questa famiglia, le persone possono essere infettate con almeno cinque tipi di anisidi:

  • Anisakis simplex - vermicello (o aringa);
  • Pseudoterranova decipiens - cod worm;
  • Contracecum osculatum;
  • Hysterothylacium aduncum (sinonimo - Contracaecum aduncum);
  • Porrocaecum reticulatum.

Tutti i suddetti tipi di anisidi (o, almeno, i primi quattro) si trovano nell'aringa e differiscono notevolmente nell'aspetto e nell'habitat.

Le verruche (A. simplex) sono vermi grigio-bianchi leggermente trasparenti contorti a spirale, ricoperti da un film traslucido, a volte leggermente giallastro. Il diametro di tali cisti va da 1,5 a 6 mm, e la lunghezza della larva si attorciglia in esso quando il raddrizzamento raggiunge da 15 a 40 mm. Di regola, le larve sono immobili.

Occasionalmente i vermi delle aringhe possono essere catturati nello stato libero, se al momento del loro decesso (o semplicemente di rilevamento) non hanno il tempo di formare una cisti.

Molto spesso, A. simplex è incapsulato nella cavità corporea di un pesce - sul fegato, sulle gonadi, sul mesentere e nelle appendici piloriche (processi ciechi dell'intestino). Inoltre, questi parassiti possono essere fissati sul polpaccio, sui muscoli e persino all'interno dei muscoli, come chiaramente visibile nella foto sotto.

P. decipiens, o vermi di merluzzo nella maggior parte dei casi vivono in aringhe nello stato raddrizzato, senza formare alcuna capsula, tuttavia, ci sono anche campioni incapsulati. La lunghezza del loro corpo varia da 10 a 60 mm, larghezza - da 0,3 a 1,2 mm. Il colore varia dal bianco al marrone rossastro.

I vermi di merluzzo nell'aringa sono localizzati non solo nei muscoli, nell'intestino, nelle appendici pilororiche, sulla superficie del fegato e del mesentere, ma anche nello stomaco e sulla sua superficie.

I nematodi di C. osculatum, a giudicare dai riferimenti nella letteratura scientifica, si trovano solo nelle aringhe del Baltico - aringhe che abitano il Mar Baltico. Le larve di questi piccoli vermi possono essere di colore brunastro o giallastro e raggiungere una lunghezza di 0,24 a 24 mm. Come A. simplex, C. osculatum sono in capsule piatte arrotondate, sebbene abbiano la forma di una virgola o di una lettera S, e non di una spirale.

Le larve di questi parassiti si trovano nella membrana sierosa che copre gli organi della cavità addominale del pesce, molto spesso nel fegato (compreso nel profondo del parenchima), meno spesso nella muscolatura.

Le larve del nematode H. aduncum sono estremamente simili alle larve di C. osculatum (lunghezza del corpo, da 3 a 30 mm e larghezza da 0,3 a 0,9 mm). Questi vermi erano aringhe infette catturate in uno dei fiordi norvegesi del Mare del Nord. Non vengono segnalate altre infestazioni di aringa.

Molto spesso, questo tipo di vermi è localizzato tra le appendici piloriche, sulle pareti dell'intestino, sulla superficie del fegato e dello stomaco dei pesci.

Per quanto riguarda il P. reticulatum, non è noto se le larve di questi nematodi vivono specificamente nell'aringa, tuttavia la letteratura scientifica parla della parassitizzazione del P. reticulatum nei pesci della famiglia delle aringhe. Altri noti rappresentanti di questa famiglia sono gli spratti, le sardine e lo spratto, quindi un potenziale acquirente in ogni caso non farà del male a sapere come sono gli elminti di questa specie.

Le larve di P. reticulatum non superano i 20 mm di lunghezza e 0,2-0,5 mm di larghezza. Questi vermi in aringhe si trovano sia nello stato incapsulato e libero. All'interno del pesce, sono in grado di vivere sulla superficie degli organi interni, nella cavità corporea, nelle appendici piloriche e nello stomaco, raramente nella muscolatura.

Poiché l'anisacidosi è un problema piuttosto nuovo per la parassitologia, al momento non è noto se sia possibile contrarre altri tipi di anisaccaride. Se vengono rilevati nematodi che sono significativamente diversi da quelli sopra descritti, non si dovrebbe rischiare di mangiare pesce da loro infettato senza un attento trattamento termico. Altrimenti, puoi diventare un pioniere di un altro tipo di elminti pericolosi per le persone.

Non dimenticare: fino al 1955, si credeva che solo i mammiferi, i pesci e gli uccelli marini potessero ammalarsi di anisacidosi, mentre un residente dei Paesi Bassi, dopo aver mangiato aringhe salate, non dimostrava il pericolo di questa elmintiasi per l'uomo.

Come già accennato, gli anisidi non sono gli unici parassiti nell'aringa che sono pericolosi per l'uomo. La compagnia sono i raschietti del genere Corynosoma. Le larve di cannella (nella foto sotto il paragrafo) assomigliano a piccoli girini bianchi lunghi meno di 1 cm, penetrando nei muscoli e all'interno del pesce.

Cosa fare con il pesce infetto elminto

Il pesce di mare è infetto da vermi parassiti a tal punto che la vendita di pesce infetto è ufficialmente autorizzata, se un esame veterinario e sanitario ha accertato la morte delle larve. Gli anisidi muoiono dal freddo nelle seguenti condizioni:

  • in 10 minuti a -18 ° C;
  • 4-5 giorni a -20 ° C;
  • in 14 giorni a -30 ° С.

I produttori coscienziosi corrispondono a questa temperatura quando congelano il pesce, quindi è quasi impossibile ottenere vermi dopo aver mangiato aringhe da un negozio di pesce specializzato o da un supermercato rispettabile.

Tale pesce dopo lo scongelamento è consentito decapare o marinare e usare anche senza trattamento termico.

È tutt'altra cosa - aringa, acquistata sul mercato di una città di provincia, con le mani o presa con la sua stessa mano. Salatura o decapaggio per uso iniziale è inaccettabile, dal momento che gli anisakidi possono esistere fino a due mesi in aringhe sott'aceto o salate preparate in modo standard. Questo è confermato dal video qui sotto.

Sebbene non siano state sviluppate le norme di salatura per lo sterminio anizakid, è possibile utilizzare quelle per neutralizzare il pesce dalle passere siberiane: per i pesci lunghi fino a 25 cm è necessaria una forte salatura per 21 giorni, per i pesci oltre i 25 cm - 40 giorni.

Se non è possibile congelare l'aringa alla temperatura di cui sopra, e non è previsto il sale, l'unica via d'uscita è quella di trattare il pesce termicamente, vale a dire cucinare o friggere. Le aringhe con i vermi si decontaminano subito dopo 10 minuti di cottura ad una temperatura di 60 ° C e oltre.

I vermi sono pericolosi nel pesce affumicato? Forse, dal momento che gli anisakidi tollerano tranquillamente temperature fino a 45 ° C, mentre il fumo freddo si verifica a temperature fino a 25 ° C. Se si acquista l'aringa affumicata a caldo, è consigliabile chiedere al commerciante se ha documenti che confermino il controllo veterinario e sanitario. In assenza di questi, è meglio non rischiare la salute.

Come mostrano studi nazionali ed esteri, l'aringa con i parassiti non è un'eccezione, ma piuttosto la regola: in alcune aree, gli anizakidi pericolosi per l'uomo rappresentano fino al 95-100% della popolazione di aringhe.

Una volta nel corpo umano, l'anisakide può provocare un'ulcera allo stomaco e persino la perforazione dell'intestino con lo sviluppo della peritonite, che può essere fatale. L'aringa salata e in salamoia, così come il pesce affumicato a freddo, non è meno pericoloso del crudo. Solo l'aringa trattata termicamente è sicura.

Vermi in aringhe salate: come determinare e se può essere mangiato?

Acquistando qualsiasi prodotto, vogliamo essere sicuri della sua sicurezza. Alcuni metodi di cottura implicano una lavorazione minima delle materie prime. Nel nostro paese, l'aringa viene tradizionalmente consumata cruda. Prima di arrivare al tavolo, il pesce passa sotto shock congelamento, scongelamento e ambasciatore.

È possibile essere sicuri che i vermi nell'aringa moriranno nel corso dell'esecuzione di operazioni tecnologiche o, come misura precauzionale, dovremmo rifiutarci di mangiare tali prodotti?

Come scoprire se ci sono vermi nell'aringa?

Qualsiasi tipo di pesce è affetto da parassiti. Non esiste un tasso medio di infezione. I dati variano in base alle condizioni di crescita, alla posizione geografica del bacino idrico, al periodo dell'anno, alle condizioni climatiche, alla situazione ambientale in una particolare regione.

Nei pesci allevati in bacini artificiali, le possibilità di essere infettati da vermi sono ridotte al minimo. Tuttavia, l'aringa non è allevata nelle fattorie. Vive nelle acque marine e oceaniche. Si nutre principalmente di plancton - piccoli crostacei, ma a volte ingoia pesci di piccole dimensioni. I crostacei marini sono portatori di larve di elminti, quindi non sorprende che l'aringa sia soggetta a invasione. Inoltre, il pesce si genera in acque poco profonde. Qui, in prossimità degli habitat degli uccelli e dei carnivori selvaggi, che a loro volta sono anche portatori della malattia, l'aringa rischia nuovamente di essere infettata.

Sull'acqua profonda, i portatori di vermi sono animali marini: balene, delfini, leoni marini. Le uova di elminti cadono nell'acqua con le feci di un individuo malato. Le larve nate dalle uova vengono mangiate dai crostacei. L'aringa è il prossimo anello della catena alimentare. Quindi, il pesce adotta l'infezione da una grande vita marina.

Prima di vendere l'aringa passa l'ispezione sanitaria. Gli individui maturi di parassiti nel 90% dei casi sono localizzati negli organi interni. Avendo comprato un budello intatto, puoi controllare il contenuto dell'addome per la presenza di vermi. Se il pesce non è stato raffreddato secondo le regole sanitarie immediatamente dopo la cattura, le larve del parassita migrano dall'intestino ai muscoli. In questo caso, i vermi possono essere trovati anche nella carne di pesce sventrato.

Eventuali macchie estranee nella carcassa dovrebbero avvisare l'acquirente. I segni evidenti della presenza di vermi saranno formazioni filiformi o spiraliformi dal bianco al bruno-rossastro.

In lunghezza, possono raggiungere da diversi millimetri a diversi cm. Ma alcune delle larve, che sono pericolose per l'uomo, non hanno dimensioni superiori a decimi di millimetro. In questo caso, l'acquirente non sarà in grado di rilevare nulla semplicemente ispezionando la carcassa.

Nel pesce sano, prima di tutto, ci deve essere carne elastica di colore uniforme. Pelle liscia senza muco e occhi chiari, non depressi. Tuttavia, la presenza di odori estranei, sezioni ingiallite, superficie appiccicosa e muscoli flaccidi, parla dell'ignoranza dei pesci, ma non conferma la presenza di vermi.

I vermi più comuni nei pesci

Non tutti i vermi che colpiscono il pesce sono pericolosi per l'uomo. Quando si mangiano prodotti infetti, non gli individui adulti entrano nel corpo, ma le loro larve. La maggior parte dei quali non sopravvive nell'ambiente aggressivo del succo gastrico e muore nell'intestino.

Tipi di vermi che non sono pericolosi per l'uomo:

Nel pesce d'acqua dolce

  • Diplostomatids. Appartengono alla classe dei trematodi (platelminti). I pesci servono come ospiti intermedi per loro. Il proprietario principale è uccelli costieri. La larva entra nel corpo del pesce con acqua attraverso le branchie e la pelle. La famiglia di questi vermi include diversi tipi di parassiti. Alcuni causano la malattia - diplostomosi, in cui sono colpiti gli organi visivi degli uccelli acquatici. Negli individui malati si trova una lente offuscata. Un altro tipo di verme è localizzato nei sacchetti di pelle che circondano la bilancia, dove è incapsulato, evidenziando il pigmento colorato nel tessuto. Un pesce malato sul corpo appaiono caratteristici punti neri. Si sviluppa una malattia a chiazze inky. Non è trasmesso all'uomo. Dopo il trattamento termico, il pesce è commestibile. Gli individui con un alto grado di sviluppo della malattia perdono la loro presentazione.
  • Filometore. Appartengono alla classe dei nematodi (nematodi). Gli elminti sono di colore rosso, lunghi 10-12 cm. Le femmine colpiscono borse squamose. I maschi invadono il guscio della vescica natatoria. Il parassita entra nel corpo del pesce con il cibo. Il venditore ambulante è un plancton infetto. Nel pesce, il verme provoca la malattia del phylometroid. Non è trasmesso all'uomo.
  • Ligula. Una tenia che utilizza il pesce come ospite intermedio. Il suo obiettivo finale è entrare nel corpo degli uccelli che mangiano pesce. Nell'addome degli uccelli acquatici, il verme raggiunge l'ultimo stadio larvale di sviluppo, il plerocircoide. Le larve crescono in lunghezza fino a 1 mm. Un segno caratteristico della ligulosi è un addome gonfio e ondulato e un corpo emaciato. Nel pesce, la ligula non migra nel tessuto muscolare. Durante l'elaborazione è possibile eliminarlo completamente rimuovendo le budella. Poiché le larve sono la fonte dell'infezione, non dovrebbero essere gettate nell'acqua.

Nei pesci marini

  • Shistotsefamosy, tenie. Lungo 2 cm. Nel pesce si sviluppano fino allo stadio del plerocircoide. Il proprietario finale - uccelli che mangiano pesce. Per gli uccelli acquatici prendere con il cibo. Il trasportatore è un crostaceo marino simile a un ciclo. Inoltre non migrare nello spessore dei muscoli. Rimosso insieme agli interni.
  • Faryon cystidico. Verme sottile rotondo che vive nel guscio della vescica natatoria. Lavato con i visceri.

I prodotti infetti da questi tipi di vermi sono considerati condizionatamente commestibili. Dopo la cottura, il pesce può essere mangiato.

Helminth Diseases

Dioktofimoz

La malattia è scatenata da nematodi rosso sangue. I proprietari finali sono animali selvatici, bestiame e persone. Un individuo malato rilascia uova helminth nell'ambiente. Nell'acqua, crescono fino alle larve, che sono incorporate nei vermi dalle piccole guance. Quelli a loro volta sono mangiati dai pesci. Gli uccelli acquatici accumulano larve nel loro corpo, essendo il proprietario del serbatoio del verme. L'infezione si verifica quando si mangia carne cruda di pesce.

Nel corpo ospite, il parassita si sviluppa in un individuo maturo. La lunghezza del verme raggiunge 1 m L'elminto è localizzato nella pelvi renale, meno spesso negli ureteri, nella vescica.

La malattia si manifesta con disturbi renali: dolore nella regione lombare, colica, infiammazione del peritoneo. Congestione osservata nel fegato, sangue e pus nelle urine. La temperatura potrebbe aumentare Nelle urine si trovano uova di vermi. L'intossicazione si manifesta con reazioni allergiche.

Il trattamento è chirurgico. Il worm viene rimosso prontamente. Successivamente, viene condotta una terapia farmacologica per alleviare i sintomi dell'infiammazione renale.

Anazikidoz

Balene, cavie, delfini diventano i proprietari naturali finali delle specie di vermi anisakidi. Le uova di vermi cadono nell'acqua con le feci degli animali. Nell'ambiente acquatico sviluppano le larve. Inghiottito da invertebrati marini, che sono cibo per pesci.

Una persona diventa un ospite forzato di anisakidi, mangiando carne cruda contaminata. Le larve nel suo corpo non si sviluppano in un individuo maturo. Crescono fino a 4-5 cm, mordono le pareti dell'intestino o dello stomaco e formano tumori, a volte bloccando il lume dell'esofago. La malattia si sviluppa in modo acuto in 1-2 settimane dopo l'infezione. Il paziente lamenta forti dolori crampi intorno all'ombelico e nella regione iliaca. I disturbi intestinali sono espressi da nausea, vomito. Il quadro clinico è simile ai sintomi di gastrite, enterite, appendicite.

Trattamento. L'endoscopia rivela un ispessimento edematoso delle pareti degli organi digestivi. Parassiti intrusivi sono rilevati. La larva può essere rimossa immediatamente dall'endoscopio durante l'esame o dopo una procedura chirurgica simile. Dai farmaci prescritti farmaci antiparassitari. In assenza di un intervento tempestivo, la prognosi è estremamente sfavorevole.

Opistorchiasi

Una malattia causata da un flatworm dal pollone epatico. Il parassita raggiunge una lunghezza di 8-18 mm. Gli ospiti intermedi sono molluschi e pesci d'acqua dolce.

Le larve del verme sono incorporate nei muscoli del pesce. Sviluppa fino alla fase metacercaria. La larva è circondata da cisti, fino a 0,21 mm di dimensione. La fase del metacercarium è invasiva.

Alla persona le larve ottengono con la carne di pesce crudo. Nello stomaco dell'ospite, il metacercario viene rilasciato dalle cisti e, bypassando i dotti, entra nei dotti biliari del fegato. Qui il parassita si sviluppa in un verme adulto e depone le uova.

La malattia si sviluppa entro 2-4 settimane dopo l'invasione. Il decorso acuto è caratterizzato dalla comparsa di disturbi intestinali e dolore lancinante nell'ipocondrio destro con aumento della temperatura. La malattia cronica può non manifestarsi nel corso degli anni e gradualmente svilupparsi in epatite e cirrosi. La diagnosi viene effettuata sulla base del quadro clinico ed è confermata dal rilevamento in laboratorio delle uova di parassita nelle feci e nel succo duodenale.

Trattamento. Con una circolazione tempestiva, la prognosi è favorevole. Al paziente viene prescritta una terapia farmacologica antiparassitaria e un trattamento sintomatico.

bothriocephaliasis

Malattia causata da larve di tenia. La tenia è il più grande parassita umano. Può raggiungere una lunghezza di 12 m localizzata nell'intestino tenue, provocando disturbi dispeptici. Nel corpo umano vive fino a 20 anni. Le larve del verme sono filamenti sottili bianchi lunghi 1-2 cm e sono facilmente visibili nella massa muscolare dei pesci.

Il parassita irrita meccanicamente la parete intestinale di una persona, causando spasmi e disturbi digestivi. Sullo sfondo della malattia si sviluppano allergie, carenza di vitamina B12 e anemia.

Il trattamento viene eseguito in un ospedale. La prognosi è favorevole. Assegnare agenti patogeni e farmaci antiparassitari.

I vermi nell'aringa sono tipi di parassiti, sono pericolosi per l'uomo e possono essere mangiati

L'aringa è uno dei tipi più popolari di pesce, soprattutto comune nella CSI e nel Nord Europa. Tuttavia, cosa succede se il tuo appetito è stato rovinato da piccoli vermi trovati all'interno di una nuova, apparentemente carcassa? Sono pericolosi per una persona e come non comprare un prodotto viziato? Quando scegliete aringhe salate o fresche, dovreste sempre esaminarle attentamente per il contenuto dei vermi: i vermi nell'aringa sono facilmente individuabili dai segni esterni di pesci malati. Come definirlo e cosa fare se hai mangiato un pesce infetto?

I vermi sono pericolosi nell'aringa per gli umani?

I vermi di pesce rappresentano il pericolo maggiore per gli esseri umani se consumano pesce fresco non trattato termicamente. Questo è irto di sushi, pesce salato, salatura fatta in casa. Tuttavia, sia i pesci salati che quelli affumicati possono essere infettati da parassiti - la temperatura del fumo non li uccide, ma contribuisce solo alla loro conservazione e riproduzione. Il pericolo di vermi di aringhe negli esseri umani è l'infezione del corpo da parte dei parassiti.

Nematodi in aringhe

Elminti rotondi - anisakidi, sono più comuni e sono i più pericolosi agenti patogeni della malattia. Questo è un sottile nematodi roundworm. Tali vermi nell'aringa possono essere trovati nell'interno del pesce, più spesso su caviale o latte, come si vede nella foto. Hanno l'aspetto di una piccola spirale intrecciata, facilmente rimovibile. Nelle aringhe salate, i nematodi vengono trovati morti se le procedure di trattamento sono state eseguite correttamente. Il parassita non è una grande minaccia e il pesce può essere mangiato se non ha un odore sospetto, decomposizione interna, carne troppo morbida.

Oltre ai pesci, l'anisacidosi colpisce la maggior parte della vita marina, compresi molluschi e crostacei. Le larve muoiono solo quando vengono riscaldate e congelate, quindi se si mangia pesce crudo o se è stato trattato in modo insufficiente (salato in una soluzione debole), la probabilità di infezione da vermi attivi è molto alta. Sono parassiti nell'intestino, causando vari processi infiammatori. Potrebbe essere necessario un intervento chirurgico per liberarsi degli adulti.

Vermi anellati nell'aringa

Quando sono affumicati a caldo o congelati, i parassiti contorti muoiono e non sono più pericolosi. Non troverai i vermi anellati nelle aringhe così spesso - una persona può essere infettata solo se ha mangiato carne cruda. Se un verme vivo o una larva entra nel corpo, è pieno di gravi malattie che possono essere nascoste a lungo: l'elminto cresce fino a un metro, rilascia sostanze tossiche e contribuisce al disturbo dei processi interni dell'intestino e del tratto digestivo.

Tenie nelle aringhe

La presenza di cestodi, tenia o tenie nell'aringa è la causa dello sviluppo dell'elmintiasi. Provocano malattie come la difillidotrobiasi, la ligulosi. La sottospecie più comune e pericolosa è l'ampio nastro: si trova nelle specie di pesci marini e d'acqua dolce e cresce fino a 10 metri, colpisce l'intestino e gli organi adiacenti. La tenia nell'aringa può essere rara, solo in certi punti geografici. La sconfitta di una persona si verifica quando si mangia carne cruda. Con un adeguato trattamento termico, le larve muoiono e non rappresentano una minaccia.

Come determinare se ci sono parassiti nell'aringa

Sfortunatamente, un gran numero di pesci viene venduto con parassiti, la varietà non è importante: norvegese, atlantico o astrakan - tutti possono essere infettati. Se trovi questi problemi, devi restituire il pesce al venditore e ottenere i soldi spesi. Come determinare la presenza di parassiti nell'aringa al momento dell'acquisto? Ispezionare attentamente il pesce I principali segni che ci sono vermi nell'aringa possono essere:

  • Manifestazioni esterne: se il pesce è abbondantemente infetto, può essere un tumore, piccole o grandi escrescenze, macchie nere sull'addome o su tutto il corpo. Esempi chiari possono essere visti nella foto.
  • Occhi: il pesce sano ha occhi spessi e sporgenti, le pupille sono pulite, bianche. In un paziente, sono torbidi, secchi, con una mescolanza di giallo o marrone.
  • Branchie: il colore delle branchie può determinare la salute del pesce. Scure, nere branchie con un odore sgradevole indicano la presenza di vermi nel pesce.
  • Quando premuto sulla carcassa può formare una cavità.
  • Un addome gonfio è un segno di cattiva aringa.
  • La presenza sugli organi interni (uova, milt, intestino) degli adulti: piccole spirali trasparenti, girini bianchi, vermi lunghi e sottili.
  • La morbidezza eccessiva è un brutto segno. La carne deve essere densa, elastica, se la polpa è aperta, ha un odore sgradevole - questo indica un prodotto viziato.

È possibile mangiare aringhe con vermi

Se il pesce ha subito una trasformazione sufficiente e si è sicuri della sua qualità e freschezza, allora può essere tranquillamente consumato dopo aver rimosso i corpi dei parassiti. I pesci appena pescati devono essere accuratamente puliti e congelati. Se è salato, quindi in una soluzione forte (non inferiore a 20: 1) e almeno 2 settimane. Friggere e cuocere i pesci hanno bisogno di almeno 30 minuti. C'è un'aringa con i vermi che sono morti - innocui per la salute, ma indesiderabili. Pertanto, ispezionare attentamente la carcassa, pulire tutti gli interni, seguire le regole di conservazione necessarie.

A quale temperatura i parassiti muoiono nei pesci?

Esistono due metodi affidabili di distruzione, dopo i quali i vermi nell'aringa non saranno pericolosi. Questi sono il congelamento e il trattamento termico a caldo. A una temperatura di 30 gradi e inferiore occorrono tre giorni affinché la carne diventi innocua. La maggior parte dei frigoriferi è progettata per velocità più elevate, ovvero 18 gradi sotto zero. In tali condizioni, ci vuole almeno una settimana per non preoccuparsi della propria salute.

Per quanto riguarda le tecnologie a caldo, i parassiti nei pesci muoiono a temperature superiori a 60 gradi. Quando la carne viene riscaldata al livello desiderato, i vermi anellati nell'aringa muoiono nel giro di pochi secondi: il modo più semplice per farlo è con affumicato a caldo o arrostire sulla griglia, cuocendo al forno. Allo stesso tempo, è necessario friggere il pesce per almeno 20 minuti - solo dopo questo tempo sarà sicuro al 100%.

Cosa fare quando si è infettati da worm

In caso di infezione da vermi, non è consigliabile cercare di portarli fuori con metodi popolari: spesso questo danneggia solo il corpo, ma non aiuta a combattere i parassiti. Se hai notato segni di avvelenamento acuto, diarrea e allergie, dovresti consultare immediatamente un medico. L'elmintiasi protratta è estremamente pericolosa per la salute del paziente e può portare molte complicazioni per il resto della sua vita. Anche la prevenzione delle malattie è importante: è necessario monitorare la qualità del cibo, la pulizia in cucina e l'igiene personale.

Video: parassiti nelle aringhe

Foto: sembrano vermi in aringa

Le informazioni presentate nell'articolo sono solo a scopo informativo. I materiali dell'articolo non richiedono auto-trattamento. Solo un medico qualificato può diagnosticare e consigliare il trattamento in base alle caratteristiche individuali di un particolare paziente.

Quali sono i pericoli dei parassiti nell'aringa

Il pesce è una frequente fonte di infezione umana da vermi. In Russia, è l'aringa che è la fonte di infezione umana con i parassiti dei pesci. Molte specie di elminti vivono nell'aringa, ma non tutte sono pericolose per l'uomo. Tuttavia, ci sono vermi che possono portare una persona a morte.

Diamo un'occhiata a quali malattie sono causate dai vermi nelle aringhe. Scopri se puoi mangiare aringa salata o affumicata. Quali misure devono essere prese per proteggersi dall'infezione da parassiti pericolosi durante l'utilizzo delle aringhe.

Quali tipi di parassiti delle aringhe sono pericolosi per l'uomo?

Nei parassiti delle aringhe sono pericolosi per gli esseri umani, che causano tali infezioni:

Il pericolo per il corpo umano è rappresentato dalle larve di questo parassita.

Questi vermi, entrando nel corpo umano, non hanno paura dell'acido gastrico e continuano a svilupparsi. Oltre a questi parassiti visibili, l'aringa è piena di elminti invisibili che rappresentano lo stesso pericolo per gli esseri umani.

bothriocephaliasis

Questa malattia parassitaria è causata da un'ampia tenia o tenia, la cui lunghezza raggiunge i 25 metri. L'invasione umana da parte di un verme si verifica quando si mangia pesce crudo o impropriamente cotto, compresa l'aringa. Il caviale appena cotto può anche essere una fonte di invasione.

Gli agenti causali dell'ampia tenia continuano a vivere anche in una forte aringa. Inoltre, c'è un maggiore rischio di invasione da aringa salata.

Quando si mangiano pesci infetti, le uova elminti mature sono attaccate al muro della parte superiore dell'intestino tenue e in sole 2-4 settimane si trasformano in un adulto. Il parassita ferisce meccanicamente la parete intestinale. I prodotti della vita del parassita causano reazioni allergiche nell'uomo. Allo stesso tempo, una persona infetta è una fonte di invasione, perché una vasta tenia nell'intestino umano produce 2 milioni di uova al giorno. Il periodo di incubazione è di 20-60 giorni. L'infezione inizia in modo acuto o prende un corso nascosto.

Gli agenti patogeni di Diphyllobotriasis appartengono all'ordine Pseudophylidea e consistono di 12 tipi di tenie.

  • segno frequente - nausea, vomito si verifica raramente;
  • dolore nell'addome o nella regione epigastrica;
  • aumento della temperatura fino a 37,0-37,3 ° C.

Con un lungo decorso della malattia compaiono segni di esaurimento:

  • irritabilità;
  • vertigini;
  • dolore e macchie rosse sulla lingua con disturbi sensoriali;
  • aumentando B12-anemia da carenza.

Un segno della malattia è una scarica dalle feci del verme. La progressione della malattia è espressa in drastici cambiamenti nella composizione del sangue. L'infezione è caratterizzata dalla cosiddetta lingua laccata di colore rosso vivo e senza papille.

Anizakidoz

L'infezione anisacea è un problema relativamente nuovo nella parassitologia. Il caso della malattia fu identificato per la prima volta nel 1955 in Olanda dopo aver mangiato aringhe salate. Numerosi studi scientifici hanno rivelato le gravi conseguenze dell'infezione umana con anisidi.

Passiamo ai fatti delle statistiche. Il 100% delle aringhe provenienti dall'Oceano Pacifico, il 35% di pollock, il 50% di nasello e il 30% di sgombri sono infetti da anizacidi. Questa informazione viene data per avvertire della necessità di trattamento termico del pesce.

Il più comune elminto di aringa è anisakid. Praticamente tutte le aringhe sugli scaffali della Russia sono infette da questi parassiti. Le larve appaiono come piccole spirali rotanti situate sulla parete interna del pesce o sulla parte superiore del polpaccio e nel milt. Sono loro che hanno un effetto dannoso sugli umani.

Il verme delle aringhe (anisacidosi) vive in quasi tutte le specie di pesci marini.

Anizakida molto resistente a fattori esterni. Muoiono se congelati sotto i -18 gradi solo dopo 2 settimane. I vermi restano vivi nell'aringa salata e durante la normale salatura diventano immobilizzati. Le larve prendono vita non appena entrano nel corpo umano. Allo stesso tempo danneggiano le mucose della laringe o le pareti dello stomaco e dell'intestino, penetrando così nel sangue. Le larve si diffondono in tutto il corpo, ma sono più spesso localizzate nello stomaco e nell'intestino, dove causano granulomi eosinofili.

Forme cliniche della malattia:

  • La forma intestinale di anisacidosi differisce nella variabilità - dalla forma asintomatica a quella acuta, quando i pazienti cadono sul tavolo operatorio con segni di appendicite o peritonite. Anizakida morde il muro intestinale, è danneggiato meccanicamente, fino alla perforazione. I sintomi della malattia in forma intestinale compaiono 7-14 giorni dopo aver consumato le aringhe. I pazienti lamentano dolore all'addome vicino all'ombelico e alla destra nella proiezione dell'appendice, gonfiore e brontolio. Ci possono essere strisce di sangue e muco nelle feci liquide. La malattia può manifestarsi in forme acute, subacute o croniche. Il decorso della malattia si manifesta con sintomi di ulcera duodenale, enterocolite. La forma intestinale dell'infezione può essere accompagnata da reazioni allergiche. Una complicazione della malattia è la perforazione della parete intestinale con peritonite o ostruzione intestinale acuta.
  • I sintomi della malattia in forma gastrica compaiono 1-2 ore dopo aver mangiato pesce. I pazienti si lamentano di forti dolori addominali crampi, nausea e vomito, a volte con sangue. Le reazioni allergiche di varia gravità, fino all'edema di Quincke, sono caratteristiche della forma acuta della malattia. La temperatura può salire a 38,0 ° C. Nel caso della migrazione delle larve dallo stomaco attraverso l'esofago, appaiono dolore e mal di gola, una tosse con cui le larve tossiscono. L'anisacidosi può mostrare segni di colecistite, pancreatite, ulcera peptica o di stomaco. La forma acuta della malattia è pericolosa a causa di un possibile esito fatale.
  • La forma allergica dell'anisacidosi si manifesta sotto forma di orticaria e broncospasmo, fino allo sviluppo dell'asma.
  • Le lesioni cutanee sono secondarie in natura e sono associate a una diminuzione dell'immunità dovuta all'esaurimento del corpo da parte delle larve dei parassiti.

I lavoratori dell'industria di trasformazione del pesce sviluppano malattie professionali: dermatiti, orticaria, asma bronchiale e congiuntivite. Le forme allergiche della malattia possono manifestarsi senza sintomi gastrointestinali.

La diagnosi di laboratorio delle feci non rileva larve o parassiti. Nell'analisi del sangue nella fase iniziale della malattia marcata eosinofilia e leucocitosi. La fibrogastroduodenoscopia (FGD) mostra focolai di erosione con edema nel sito di infiltrazione della larva. Spesso, le larve stesse sono visibili, che vengono rimosse. I metodi diagnostici sierologici non hanno applicazione pratica. Il trattamento viene eseguito con Albendazole 400 mg al mattino e alla sera per 1 mese.

Opistorchiasi

Questa malattia parassitaria è causata da un raffreddore da gatto della classe dei raffreddori. Una persona viene infettata dai vermi se consumata con un'aringa sottoposta a trattamento termico, crudo, leggermente salato o leggermente essiccato. Il portatore di opistorchiasi, sia una persona che un gatto, è la fonte dell'infezione. I sintomi di una malattia allergica compaiono 2-4 settimane dopo l'invasione.

  • prurito eruzioni cutanee;
  • aumento della temperatura;
  • bronchite asmatica;
  • artralgia e mialgia.

I sintomi di danni agli organi interni compaiono quando le larve maturano negli adulti. Il posto preferito del gatto passera è il fegato e i dotti biliari.

Opistorhoz - una malattia del gruppo di trematodozov causata da parassiti parassiti del genere Opisthorchis

Manifestazioni cliniche di questa fase:

  • dolore nell'ipocondrio destro dopo aver mangiato a causa del blocco dei dotti biliari;
  • circondare il dolore addominale che si irradia alla metà sinistra del petto è un segno di pancreatite;
  • nausea e vomito;
  • mancanza di appetito;
  • ingiallimento della sclera e della pelle;
  • alternanza di stitichezza con diarrea.

Nel tempo, l'assorbimento delle vitamine liposolubili e di altre vitamine è compromesso. La progressione della malattia è complicata da insufficienza epatica e disfunzione del tratto gastrointestinale.

Come mangiare le aringhe e non infettarsi

È possibile mangiare pesce crudo? Sulla base delle statistiche ufficiali, il pesce crudo è pericoloso a causa dell'alto rischio di invasione di vermi. E ciò conferma il fatto di un'alta incidenza di diillilototrite in Giappone, dove il sushi è comune. Prevenzione dell'invasione elmintica - congelamento o trattamento termico delle aringhe e di tutti gli altri tipi di pesce. Allo stesso tempo, la tecnologia mantiene l'esposizione di elaborazione:

  • Cuocere e friggere in piccoli pezzi per 20 minuti.
  • Cuocere in forno per 1 ora!
  • Asciugare per 3 settimane con un ambasciatore preliminare per 3 giorni.

L'aringa salata può essere mangiata se si è sicuri che è stata esposta a un congelamento di due settimane inferiore a -18 gradi prima della salatura. Altrimenti, rischi di contrarre un'infezione pericolosa. L'aringa salata contiene pericolose larve di parassiti vivi. Pertanto, è necessario acquistare pesce nei grandi centri commerciali in cui i prodotti sono controllati.

La risposta alla domanda se il pesce appena pescato può essere mangiato è una tale informazione. Secondo i requisiti di Rospotrebnadzor, il pesce catturato deve essere sventrato il più presto possibile o congelato. Questo perché le larve dei parassiti dopo la pesca pescano dall'addome ai muscoli del pesce. Quindi, se la tecnologia non viene seguita, l'aringa e tutti i suoi fratelli sono pericolosi per l'uomo. Prendete immediatamente pesce o metteteli a casa in frigo per 2 settimane per congelare sotto i -18 °.

Dovresti stare particolarmente attento con le aringhe, poiché non è disinfettato e non processato.

Armato di tale conoscenza, non è difficile rispondere alla domanda se si può mangiare pesce se si trovano vermi nelle aringhe. In quel momento, quando hai visto questo ritratto disgustoso, le larve si erano già spostate alla muscolatura del pesce e possono essere mangiate solo dopo un attento trattamento termico. Ma solo in questo c'è una sfumatura: la completa assenza di un sentimento di disgusto. Dovrebbe essere chiaro che anche durante il trattamento termico, le larve possono rimanere vive se il pesce è cotto o fritto completamente.

Riassumendo, ricordiamo. Secondo le statistiche, l'intera aringa è infettata da anisidi o altri parassiti. Le malattie causate dai vermi di pesce sono pericolose per l'uomo. Alcune infezioni da elminti possono verificarsi malattie allergiche nascoste o manifeste che una persona non associa all'uso delle aringhe.

Il vettore di vermi è fonte di infezione per gli altri.

Per non essere tormentato dalla domanda se sia possibile mangiare un'aringa acquistata, deve essere congelata per 2 settimane o sottoposta a un trattamento termico approfondito. Allo stesso tempo, deve essere tagliato in piccoli pezzi e resistere all'esposizione. Se si verificano sintomi sospetti, consultare un parassitologo.

Articoli Simili Su Parassiti

Possono esserci rotoli di vite senza fine?
Tè monastico antiparassitario