Tipi di agenti patogeni della malaria

La malaria è sempre stata e rimane uno dei problemi globali più globali nel campo della salute. Più di cento paesi sono riconosciuti come zone pericolose, dove c'è un enorme rischio di contrarre infezioni.

Nei paesi endemici, ci sono diversi tipi di malaria, e solo uno è il più pericoloso - è una febbre tropicale che uccide il 98% di quelli infetti.

Ciclo di vita del plasmodio della malaria

La principale via di infezione con i microbatteri Plasmodium si verifica a causa del morso della zanzara anofele. Dei tremila insetti alati noti alla scienza, una pericolosa infezione da malaria viene trasmessa solo da donne appartenenti al genere Anopheles. È l'insetto femmina che ha bisogno del sangue del trasportatore per isolare le larve.

L'infezione si verifica in questo modo: durante un morso, la femmina secerne la saliva sotto la pelle di chi la indossa, che contiene una soluzione speciale per prevenire la coagulazione del sangue. Insieme alla saliva, sporozoidi microscopici riproduttivi, di dimensioni non superiori a 15 micron, entrano nel sangue.

Migrando attraverso il flusso sanguigno, gli sporozoidi raggiungono il fegato e la milza, dove vengono trasformati nella forma di vita successiva - gli schizonti.

Dopo 1-2 settimane, fino a 50mila microparassiti di merozoiti sono separati da uno schizon. A causa della sua attività vigorosa, i microparassiti causano una risposta difensiva nel corpo e compaiono i primi segni di febbre di malaria.

Alcuni dei merozoiti si reintroducono nelle cellule del sangue e ripetono il ciclo vitale, il resto diventa cellule germinali immature (gamont), che richiedono lo sviluppo di una zanzara per lo sviluppo.

Nutrendosi del sangue di una persona infetta, la zanzara femmina inghiotte il gamont, che si sviluppa, raggiunge la forma di uno sporozoo e può entrare nel corpo di un portatore sano - una persona.

L'intero processo del ciclo di vita dura da 10 a 45 giorni, a seconda della temperatura dell'aria ambiente.

Varietà di malaria

La causa dello sviluppo di una pericolosa malattia infettiva è rappresentata dai microrganismi più semplici del genere Plasmodia. In totale, gli scienziati hanno registrato oltre 5mila rappresentanti di questa specie, ma solo 4 di questi sono in grado di provocare la febbre della malaria.

Tre giorni di malaria

La malaria di tre giorni compare 10-20 giorni dopo il morso. La causa dell'infezione è il batterio Plasmodium vivax. Di norma, l'infezione ha un buon esito e il paziente si riprende completamente entro poche settimane.

I precursori di un attacco in arrivo di malaria sono mal di testa, formicolio nella regione lombare. Gli attacchi di febbre possono durare 2-8 ore, con sudorazione profusa. Tali attacchi si verificano spesso ogni tre giorni, ma possono essere osservati più spesso se il paziente viene morso da zanzare già nel processo di manifestazione della malattia.

Caratteristiche principali:

  • impulso rapido e pressione alta;
  • perdita di appetito, nausea, vomito, a volte diarrea;
  • mal di testa, dolore e debolezza in tutto il corpo;
  • anemia.

Quando si prescrive un trattamento competente e il rispetto delle raccomandazioni del medico curante, si verifica un rapido recupero. Tuttavia, per 3-6 anni, il paziente può sperimentare attacchi ripetuti di malaria.

Malaria di quattro giorni

La malaria di quattro giorni con un trattamento adeguato procede in modo sicuro, senza causare gravi complicazioni. Questa infezione è causata da Plasmodium malariae di tipo Plasmodium malariae, che si trova in molte zone tropicali e subtropicali.

Il periodo di incubazione della malattia è di 20-40 giorni, quindi questa infezione è più spesso portata a casa dai turisti. La malattia è abbastanza difficile da diagnosticare, perché i test mostrano che la parassitemia è troppo bassa.

sintomi:

  1. Gli attacchi di febbre si verificano ogni 2 giorni e possono durare 4-8 ore.
  2. Il paziente avverte debolezza, brividi, dolori muscolari, sonnolenza e apatia.

L'anemia, l'ingrossamento del fegato e della milza non viene praticamente osservata. Le ricadute della malattia si verificano più spesso entro i primi quattro anni, ma possono anche comparire dopo 15 anni. L'infezione è facilmente curabile e il recupero è veloce.

Malaria ovale

La malaria ovale è diagnosticata molto raramente e nelle sue caratteristiche cliniche è simile alla malaria di tre giorni. L'agente infettivo è il Plasmodium Plasmodium ovale. I primi segni della malattia compaiono dopo un periodo di incubazione di 10-15 giorni.

sintomi:

  1. Gli attacchi di febbre sono spesso disturbati di sera e di notte.
  2. I pazienti si lamentano di mal di testa e vertigini, debolezza, mancanza di appetito, nausea.

La particolarità di questa malaria è che ha un decorso lieve, senza innalzare la temperatura corporea a parametri critici, forti brividi e vomito. Dopo l'infezione, il corpo produce una forte immunità ai batteri. Se non sono state effettuate cure mediche, durante l'anno possono verificarsi convulsioni ricorrenti.

Malaria tropicale

La malaria tropicale è la forma più pericolosa di infezione causata dal microrganismo Plasmodium falciparum. I primi segni della malattia iniziano una settimana dopo il morso e sono accompagnati da un corso severo.

sintomi:

  1. Un attacco di febbre può durare più di un giorno.
  2. La temperatura corporea sale a 39 gradi e cade rapidamente, senza eccessiva sudorazione.
  3. Il paziente è preoccupato per mal di testa, brividi miti, malessere, debolezza, nausea, dolori muscolari.

Con la sconfitta del sistema nervoso si verifica confusione, convulsioni, insonnia. Quando la patologia respiratoria manifesta bronchite, polmonite. Poiché la febbre tropicale ha sintomi confusi, la diagnosi corretta è spesso stabilita già in una fase avanzata della malattia.

La malaria tropicale nel 98% causa gravi complicanze, molte delle quali sono fatali.

Le patologie più pericolose sono:

  1. La forma alchidica viene diagnosticata raramente e presenta sintomi simili con il colera.
  2. Insufficienza renale acuta.
  3. Malaria coma - inizia con crampi, delirio e l'estinzione dei riflessi muscolari. Poi c'è l'ingiallimento della sclera, respiro rapido e polso, il viso si gonfia, lo stomaco si gonfia. La morte può verificarsi molto rapidamente, quindi è necessario iniziare il trattamento senza attendere i risultati dell'analisi.
  4. La febbre emoglobinurica si manifesta con ipertermia del corpo, vomito con bile, urina nera e feci scure. Con il trattamento immediato, è possibile un esito positivo.

In caso di esito positivo del decorso della malattia, gli attacchi ripetuti si verificano molto raramente e si presentano in forma leggera. Molto spesso, i casi di recupero sono registrati in coloro che vivono nella zona endemica.

I pazienti che hanno sperimentato per la prima volta la febbre tropicale hanno la possibilità di guarire solo con l'ospedalizzazione immediata e un trattamento schematico adeguato.

Corso generale di tutti i tipi di malaria

Tutti i tipi di agenti patogeni della malaria hanno quasi lo stesso decorso della malattia, ad eccezione di alcune caratteristiche caratteristiche. I periodi di malaria hanno questo corso:

  1. Infezione da microrganismi del plasmodio attraverso la puntura di una zanzara femmina. Il batterio penetra nella pelle con la saliva della zanzara.
  2. Il periodo di incubazione non ha sintomi, dal momento che il plasmodio non ha ancora raggiunto un certo stadio di sviluppo e non ha iniziato un'attività distruttiva. La durata del periodo di incubazione dipende dal tipo di malaria che la persona ha raccolto.
  3. La fase prodromica è caratterizzata da segni tipici di un raffreddore. Una persona infetta si sente male, debolezza, brividi, mancanza di appetito, sonnolenza e dolori muscolari. Questo periodo dura non più di 4 giorni.
  4. I sintomi primari sono acuti e iniziano con attacchi di febbre, la cui durata dipende dal tipo di malaria. Le crisi stesse hanno tre stadi: il freddo è accompagnato da un aumento del corpo e può durare da 1 a 4 ore. La fase successiva è la febbre, che allevia un brivido freddo e dà al paziente un leggero sollievo dal sudore. Il calore può durare da 3 a 12 ore. L'ultima fase della febbre è l'aumento della sudorazione e una diminuzione della temperatura a 35-36 gradi.
  5. Il periodo di latenza si verifica dopo 9-13 convulsioni febbrili. Le condizioni del paziente migliorano e la malattia si allontana. Se nel trattamento della malaria è stata effettuata la terapia sbagliata, dopo un certo periodo di tempo si verificherà un periodo di recidiva.

Dopo ogni attacco di febbre, il paziente si sente quasi in salute, l'appetito e il desiderio di alzarsi dal letto. Tuttavia, questo non dovrebbe essere fatto in ogni caso, dal momento che il corpo è ancora debole e ha bisogno di riposo.

Misure di prevenzione della malaria

Le donne incinte, i bambini in età scolare e le persone con ridotta immunità sono maggiormente a rischio di complicanze. Indipendentemente da quale tipo di malaria è stata diagnosticata, tutti i tipi di plasmodium possono causare gravi conseguenze a questa categoria di persone.

Puoi liberarti del rischio di contrarre la malaria nei seguenti modi:

  1. La protezione dalle zanzare consiste nell'utilizzare zanzariere e una sottile tettoia sul letto, trattando le stanze con speciali spray insetticidi, usando repellenti repellenti.
  2. La prevenzione della droga comporta l'assunzione di farmaci che possono ridurre il rischio di malaria.
  3. Esame di pazienti con segni caratteristici di infezione, per interrompere la catena del ciclo vitale del plasmodio.

La malaria è una malattia infettiva pericolosa che, senza un'adeguata terapia, può causare gravi complicazioni e conseguenze. I turisti che intendono visitare paesi endemici devono osservare tutte le misure preventive e cercare assistenza medica al primo segno di infezione.

La malaria del plasmodio e il suo ciclo vitale

L'agente eziologico della malaria è la malaria del plasmodio. La fonte dell'infezione è una persona malata, il cui morso provoca l'ingresso dei parassiti nella zanzara. Solo le zanzare del genere Anopheles trasmettono l'infezione agli esseri umani. Anopheles sacharovi, Anopheles maculipennis e Anopheles superpictus sono i più attivi di loro.

Le zanzare della malaria trasmettono 4 tipi di malaria plasmodia all'uomo:

  • Plasmodium vivax - agenti causali della malaria di tre giorni.
  • Plasmodium malariae - agenti causali della malaria di quattro giorni.
  • Plasmodium falciparum - patogeni della malaria tropicale.
  • Plasmodium ovale - agenti causali della malaria, simili ai tre giorni.

Il ciclo di vita dello sviluppo della malaria del Plasmodium è composto da 2 fasi:

  1. Stage che si svolgono nel corpo umano (riproduzione asessuata di plasmodia (schizogony) e preparazione per la riproduzione sessuale (formazione di gameti).
  2. Stage negli organi di zanzara (riproduzione sessuale e formazione di sporozoiti (sporogoni).

Entrambi gli ospiti della malaria del Plasmodium si infettano reciprocamente. L'infestazione da zanzare si verifica solo da gametociti (localizzati nel sangue umano) e da sporozoiti umani (localizzati nella saliva delle zanzare).

Fig. 1. Malaria plasmodium (microscopio elettronico). Nelle cellule di una persona infetta, il plasmodia perde la sua forma di fuso.

Fig. 2. Sporozoiti nel citoplasma della cellula epiteliale dello stomaco (intestino) della zanzara. Avere una forma del mandrino

Fig. 3. Plasmodium falciparum - patogeni della malaria tropicale.

Fig. 4. Plasmodium ovale - l'agente eziologico della malaria, come un tre giorni. Il parassita ha una forma arrotondata.

Fig. 5. Plasmodium vivax - l'agente eziologico della malaria di tre giorni.

Il ciclo di vita dello sviluppo dei plasmi della malaria negli organi delle zanzare

Quando il sangue di una persona che soffre di malaria viene assorbito nel corpo della zanzara, i plasmodi malarici, che si trovano in diversi stadi di sviluppo, penetrano nell'organismo della zanzara, ma solo il gamont (forme sessuali immature) viene sottoposto a ulteriore sviluppo. Tutti gli altri plasmodi muoiono. Nello stomaco di una zanzara, la malaria Plasmodia percorre un sentiero difficile.

Fig. 6. Il ciclo di sviluppo della malaria di Plasmodium nel corpo di una zanzara. Gamete femminile (17). Educazione gameti maschili (18). Fecondazione (19). Ookineta (21). Lo sviluppo di oocisti (22 e 23). Il rilascio di sporozoiti da oocisti (24). Sporozoiti nella ghiandola salivare della zanzara anofele (25).

Maturazione della gestazione

Nella parte centrale dell'intestino della zanzara (stomaco), i gametociti (forme sessuali immature) vengono convertiti in gameti (forme sessuali mature). Macrogameti o femmine sono formati (maturati) dai macrogametociti. Da microgametociti formati maschi. Inoltre, da ciascun microgametocita vengono formati fino a 8 microgamet mobili simili a serpenti. È provato che se in 1 mm 3 di sangue di una persona infetta meno di 1 - 2 gametocytes, le zanzare non diventano infettate.

Fig. 7. Nello stomaco di una zanzara, le giacche da uomo "buttano fuori" flagelli. Il processo è chiamato esclamativo.

Oplodotvo Renie

Dopo 20 minuti (fino a 2 ore) la fertilizzazione avviene nello stomaco della zanzara: un microgamet viene introdotto in un individuo femminile, il macrogamete. L'unione dei gameti forma uno zigote. Il corpo dello zigote viene estratto e si trasforma in un ookinet mobile. I nuclei delle cellule germinali si fondono.

sporogony

Successivamente, la finestra dell'occhio viene inserita nella parete dello stomaco della zanzara, arrotondata e penetra nel suo muro esterno, diventa coperta da una guaina protettiva, cresce e si trasforma in un'oocisti. Il numero di oocisti può essere da unità a 500. L'intero processo da una puntura di zanzara alla formazione di oocisti dura circa 2 giorni.

All'interno delle oocisti, c'è una divisione energetica dei nuclei del plasmodia, attorno alla quale si concentra il protoplasma. Il nucleo con un sito di protoplasma è chiamato sporoblast. All'interno delle sporoblasti sviluppo sporozoiti fusiformi che possono numerare alto come 10 mila. Oocisti è gonfiato a tal punto che sporozoiti fluttuare liberamente in essa. Nelle oocisti, si deposita un pigmento, dal modello del quale si può determinare il tipo di plasmodio.

Fig. 8. Ookineta attaccato midgut (sinistra) parete interna, incorporato in esso, è arrotondato e penetra la parete esterna è rivestita da una guaina protettiva cresce e si trasforma in oocisti (a destra).

Fig. 9. Un gran numero di oocisti sul rivestimento esterno dello stomaco (a). Oocisti rivelate e molti sporozoiti (b). Nella foto a destra, oocisti sul rivestimento esterno dello stomaco.

Dopo la rottura della membrana delle oocisti, gli sporozoiti entrano nella cavità corporea e l'emolinfa delle zanzare, diffusa in tutto il corpo. Il loro maggior numero (centinaia di migliaia) si accumula nelle ghiandole salivari.

Fig. 10. Nella foto, una fetta del corpo di una zanzara Anopheles infetta. L'emolinfa mostra un numero enorme di sporozoiti della forma a forma di fuso.

Fig. 11. Nella foto a sinistra ci sono molti sporozoiti nella ghiandola salivare della zanzara. La foto a destra è una vista di sporozoiti.

Dopo 2 settimane, gli sporozoiti acquisiscono virulenza, mantenendo proprietà infettive fino a 2 mesi. Successivamente, gli sporozoiti degenerano.

I tempi della sporogonia sono influenzati dal tipo di zanzara e dalla temperatura ambientale.

Quando infettano le zanzare Plasmodium vivax, insetto diventare pericoloso dopo 7 giorni, Plasmodium falciparum - in 8 - 10 giorni, Plasmodium malariae - 30 - 35 giorni, Plasmodium ovale - 16 giorni.

Ciclo di vita del plasmodio della malaria nell'uomo: stadio eso-eritrocitario (preclinico) della malaria

infezione

Quando il morso di una femmina infetta Anopheles mosquito nel sangue umano dalla saliva dell'insetto entrare Plasmodium falciparum sporozoites sul palco. Entro 10-30 minuti, gli sporozoiti si muovono liberamente nel plasma sanguigno e si depositano nelle cellule epatiche. Parte di sporozoiti (bradisporozoitov), ​​Plasmodium ovale e Plasmodium vivax sospensione, per un'altra parte di essi, così come Plasmodium falciparum e Plasmodium malariae (tahisporozoity) schizogonia epatica avviata immediatamente.

Fig. 12. Schizogony esoerythrocytic del tessuto. 2 - trofozoite, 3 - schizonte, 4 - rilascio di merozoiti da cellule epatiche nel sangue.

Periodo di schizogonia tessutale

Nelle cellule epatiche (epatociti), gli sporozoiti vengono trasformati in schizonti di tessuto, che dopo 6-15 giorni si dividono per formare una moltitudine di merozoiti tissutali. Da uno sporozoite, si formano da 10 a 50 mila merozoiti epatici (schizonti), che in 1-6 settimane entrano nel sangue.

Quando le cellule epatiche infette vengono distrutte, i merozoiti tissutali entrano nel sangue. Questo conclude il periodo di incubazione della malaria e inizia il periodo di schizogonia eritrocitaria - il periodo delle manifestazioni cliniche.

Processo di ibernazione

Parte di sporozoiti (ipnozoiti) ovale Plasmodium vivax e il Plasmodium, entrato in epatociti, vengono convertiti in forme inattive e ibernazione. In questo stato, i parassiti possono rimanere per mesi e anni, causando ricadute a lungo termine.

Fig. 13. Schizonte di tessuti nel fegato.

Il ciclo vitale della malaria plasmodium negli esseri umani: stadio eritrocitario (clinico) della malaria

Dopo la rottura delle cellule del fegato, i merozoiti entrano nel sangue e invadono i globuli rossi. Inizia la fase (clinica) eritrocitaria della schizogonia.

Fig. 14. Schizogony eritrocitario. 5 e 6 - trofozoiti anulari. 7, 8 e 9 sono schizonti giovani, immaturi e maturi. 10 - merozoiti di eritrociti.

Attaccamento ai globuli rossi

L'attaccamento dei merozoiti alla membrana dell'eritrocito e l'invaginazione nelle loro membrane avviene a causa della presenza di speciali recettori sulla superficie dei globuli rossi. Si ritiene che i recettori sulla superficie dei globuli rossi, che fungono da bersagli per i merozoiti, siano diversi per diversi tipi di plasmodi.

Fig. 15. eritrociti infettati con Plasmodium vivax (malaria patogeni tre giorni) e Plasmodium ovale (patogeni malaria, ad una tre giorni) aumenta, e decolorato si deformano, appaiono granularità tossici. Quando infettati con Plasmodium malariae (malaria patogeni quattro giorni), e Plasmodium falciparum (malaria patogeni tropicali) la forma e le dimensioni degli eritrociti non è cambiato.

Schizogony eritrocitario

Essendo penetrato nei globuli rossi, gli schizonti assorbono le proteine ​​globiniche (un componente dell'emoglobina), crescono e si moltiplicano.

Nell'eritrocita, il parassita attraversa 4 fasi di sviluppo:

  • Stadio dell'anello (trofozoide).
  • Stage amebico schizon.
  • Stage morula (frammentazione). In questa fase, i nuclei degli schizonti sono ripetutamente divisi (in 6 - 25 parti), intorno a loro parti del citoplasma sono isolate. Si formano i merozoiti di eritrociti.
  • Una parte dei parassiti attraversa lo stadio di formazione dei gametociti.

Il parassita che penetra nell'eritrocita è chiamato trofozoide (schizon). A poco a poco, aumenta di dimensioni. Un vacuolo appare vicino al suo nucleo e il trofozoide assume la forma di un anello (anello) - uno schizonte a forma di anello.

Man mano che crescono (gli schizonti si nutrono di emoglobina), aumentano di dimensioni e assumono la forma di ameba - schizonte ameboide.

Poi, man mano che cresce, lo schizonte è arrotondato, il suo nucleo è diviso più volte - lo stadio morula. Ogni tipo di plasmodio ha un certo numero di nuclei: 12 - 12 in P. vivax, 6 - 12 in P. malariae e P. ovale, 12 - 24 in P. falciparum. È così che si formano i merozoiti eritrocitari. Dal primo schizon si formano da 8 a 24 merozoiti di sangue, di cui si sviluppano forme asessuate e sessuali di parassiti.

La durata della fase di schizogonia eritrocitaria è di 72 ore in P. malariae e di 48 ore in altri tipi di plasmodia.

Nel processo di crescita, il pigmento si accumula nel citoplasma dei parassiti. Il suo aspetto è associato ai processi di assimilazione dell'emoglobina. Gli accumuli di emoglobina hanno l'aspetto di bastoncini o grani. Il suo colore va dal giallo dorato al marrone scuro.

Fig. 16. Durante la crescita, il pigmento si accumula nel citoplasma dei parassiti.

Dopo merozoiti distruggendo eritrociti entrano nel sangue, alcuni dei quali penetra nuovamente i globuli rossi, altro ciclo gametogony testato - trasformazione in cellule germinali immature gamonts.

Insieme ai merozoiti, l'eme entra nel sangue (il secondo componente dell'emoglobina). Eme è il veleno più forte e causa attacchi acuti di febbre malarica.

I cicli di schizogony eritrocitario si ripetono ogni 3 giorni, in altri tipi di plasmodium della malaria - ogni 2 giorni.

Fig. 17. La distruzione dei globuli rossi e il rilascio di merozoiti nel sangue.

Fig. 18. Merozoite Plasmodium vivax (l'agente eziologico della malaria di tre giorni), penetrato nell'eritrocita (striscio di sangue sottile).

Fig. 19. Giovane trofozoide Plasmodium falciparum (patogeno della malaria tropicale) sotto il microscopio.

Fig. 20. Trofozoiti a forma di anello di Plasmodium vivax - agenti causali della malaria di tre giorni (stadio ad anello).

Fig. 21. Sulla foto è amebico schizonte Plasmodium vivax (stadio schizon amebico).

Fig. 22. Nella foto ci sono schizonti maturi di Plasmodium vivax (morula o fase di frammentazione).

Con la distruzione dei globuli rossi e il rilascio di merozoiti nel plasma, si sviluppano convulsioni febbrili e anemia. Con la distruzione delle cellule del fegato si sviluppa l'epatite.

Gametotsitogoniya

Una parte dei merozoiti appena formati entra nei globuli rossi, l'altra parte si trasforma in gametociti - cellule germinali immature. Il processo è chiamato gametocytogonia.

  • Cellule di gameti di Plasmodium falciparum (patogeni della malaria tropicale) si sviluppano in vasi profondi di organi interni. Dopo la maturazione, che dura 12 giorni, appaiono nel sangue periferico, dove rimangono vitali per alcuni giorni fino a 6 settimane.
  • I gametociti plasmodiani di altre specie si sviluppano in vasi periferici entro 2 o 3 giorni e muoiono dopo poche ore dalla maturazione.

A causa del fatto che la formazione di gametociti si verifica al primo ciclo schizogony eritrocitaria, il paziente è stato infettato da Plasmodium vivax, Plasmodium ovale e Plasmodium malariae diventare contagiosa dall'inizio della manifestazioni di malaria, quando infettato da Plasmodium falciparum (gli agenti causali della malaria tropica) - dopo 12 giorni.

Fig. 23. Gametociti femminili di P. falciparum al microscopio.

Fig. 24. I gametociti di Plasmodium falciparum hanno una forma semi-lunare, il plasmodia di altri tipi di malaria è rotondo.

La malaria del plasmodio: cos'è, ciclo vitale, diagnosi e terapia

Grishkova Marina | Aggiornato: 2018-01-13

In questo articolo, le informazioni sulla malaria plasmodium, un agente causale grave della malaria, vengono raccolte e aggiornate. Soprattutto dovresti sapere della sua esistenza, se hai intenzione di andare in paesi caldi.

Cos'è la malaria del Plasmodium e quando è apparsa?

Plasmodium malariae è il parassita più semplice che provoca la malaria con un ciclo di sviluppo di 72 ore. Non tollera temperature inferiori a +16 gradi Celsius. Pertanto, non attecchisce nelle zanzare dalle nostre latitudini. È uno dei diversi tipi di parassiti del Plasmodium che infettano gli esseri umani, tra cui il Plasmodium falciparum (falciparum) e il Plasmodium vivax (vivax), che sono responsabili della maggior parte delle infezioni della malaria. Sebbene si trovi in ​​tutto il mondo, tuttavia è la cosiddetta "benigna malaria" e non è pericolosa come lo stesso P. falciparum o P. vivax.

Questo parassita della malaria è stato stabilito più di 2000 anni fa e descritto nell'antica civiltà greca e romana. Allo stesso tempo, sono state descritte le sue sottospecie: malaria di quattro giorni (trimestre), tre giorni e due giorni.

Dopo la scoperta di Alphonse Laveran nel 1880 del fatto che l'agente eziologico della malaria è davvero un parassita, iniziarono studi dettagliati di questi organismi. Il lavoro precoce e dettagliato del biologo Camillo Golgi nel 1886 dimostrò che alcuni pazienti avevano un legame tra il ciclo vitale di sviluppo di 72 ore dei parassiti e la simile periodicità del parossismo (un quadro di raffreddore e febbre in un paziente), mentre altri pazienti avevano cicli di sviluppo di 48 ore. Ha concluso che dovrebbe esserci più di un tipo di parassita della malaria responsabile di questi vari modelli di infezione ciclica.

Alla fine, i vari parassiti furono divisi in 6 tipi e ricevettero i nomi che attualmente recano:

  • Plasmodium falciparum;
  • Plasmodium vivax;
  • Plasmodium ovale curtisi;
  • Plasmodium ovale wallikeri;
  • Plasmodium malariae;
  • Plasmodium knowlesi.

Ciclo vitale del plasmodio della malaria: negli esseri umani

P. malariae è l'unico parassita che infetta gli esseri umani con la malaria, che causa febbre, che si ripresenta dopo circa tre giorni (72 ore).

Schema: ciclo evolutivo della malaria del plasmodio nell'uomo e nella zanzara

Durante il suo ciclo vitale piuttosto complesso, il plasmodio malarico si sposta dalla zanzara all'umano e viceversa. La zanzara femmina (ospite primario), che è infetto da questo parassita, inietta la saliva, che, oltre a una sostanza che impedisce la coagulazione del sangue, contiene anche l'infezione stessa. Prima di tutto, il plasma nella fase di sporozoite penetra nel fegato umano (ospite intermedio), che è l'organo principale per la rimozione delle sostanze nocive. Avendo raggiunto il tessuto del fegato, lo sporozoite sta cercando dei luoghi per un'ulteriore riproduzione. Per lo sviluppo generale, ricordiamo che gli sporozoiti sono molto piccoli, dell'ordine di 5-8 micrometri di lunghezza, sottili corpi monoclonali a forma di verme.

Per fare questo, passa attraverso uno dei macrofagi del fegato, che è chiamato la cellula di Kupffer. E uscendo da un vaso sanguigno infetta una delle cellule del fegato (epatociti), uccidendo molti altri sulla sua strada. Nei giorni successivi, subisce diversi cicli di divisione durante i quali appaiono sempre più nuovi plasmodi (schizonti). Una cellula infetta può produrre diverse migliaia. La riproduzione avviene asessualmente (schizogonia tessutale).

Sembra schizonte malaria plasmodium

La nuova generazione di plasmodi (merozoiti) che è emersa nel mondo si distingue per il fatto che non è il fegato che colpisce, ma i globuli rossi. All'interno degli eritrociti, il plasmodio è inaccessibile alle cellule del sistema immunitario e può gradualmente eliminare questo globulo dall'interno, mangiare l'emoglobina e produrre la sua nuova generazione.I globuli rossi infetti in questo caso perdono la loro mobilità e si depositano sulle pareti dei vasi.

Circa 40 ore dopo la penetrazione dei merozoiti in eritrociti, il nucleo dello schizon viene diviso più volte. E poi entro la fine del secondo giorno (circa 48 ore) si divide in 12 o 24 merozoiti. Quando la maturazione del plasmodium è completata, rompe la cellula dall'interno e tutta la nuova generazione entra nel canale della nave. Questo è il cosiddetto schizogony eritrocitario, che viene ripetuto più volte. I prodotti del metabolismo del plasmodio iniziano a entrare nel sangue. Ciò porta alla manifestazione di un sintomo della malaria classica: febbre, anemia, convulsioni, danni cerebrali e, di conseguenza, il coma è possibile.

Ciclo di vita del plasmodio della malaria: nel corpo di una zanzara

Per la maggior parte della loro vita, le zanzare non bevono sangue, ma nettare, succhi di frutta e rugiada. Mordaci esclusivamente donne che si stanno preparando a deporre le uova. Per lo sviluppo delle uova, sono necessari nutrienti del sangue. Nel caso in cui la femmina beva anche il sangue di un paziente affetto da malaria, diventa portatrice del plasmodio malarico. La sua forma, che è fatale per l'uomo, non è adatta per la vita nello stomaco della zanzara. Pertanto, è semplicemente digerito con altri contenuti.

Tuttavia, anche nel corpo umano, alcune cellule di Plasmodium formavano anche un'altra forma, quella sessuale, che non è stata ancora attivata. La riproduzione del plasmodio inizia quando il caldo sangue umano nella zanzara dello stomaco si raffredda. Una cellula uovo è formata da macrogamonti, e una cellula spermatica è formata da microgamontes dopo un po '. Si verifica la riproduzione sessuale

Un uovo fecondato ha mobilità e migra allo stomaco in una zanzara e alla fine passa attraverso il suo muro. E dopo quello forma le cosiddette oocisti sulla superficie esterna. Ognuna di queste oocisti dà origine a migliaia di minuscole cellule plasmodiche, che si muovono nelle ghiandole salivari delle zanzare, infettandole con la saliva. Quindi la zanzara femmina inietta la saliva nel sangue del successivo morso, infettandolo con la malaria.

diagnostica

  • L'analisi per l'identificazione dell'agente causativo del plasmodio malarico viene effettuata nel moderno laboratorio con il metodo della reazione a catena della polimerasi (PCR). È il metodo più progressivo e sensibile per oggi, ma anche più costoso.
  • Il metodo più economico e semplice di microscopia di striscio di sangue è comune qui. In questo caso, una goccia di sangue viene esaminata al microscopio e vengono analizzati i cambiamenti caratteristici della malaria dei globuli rossi. Questo metodo ha uno svantaggio: è relativamente dispendioso in termini di tempo e richiede qualifiche specialistiche di un assistente di laboratorio.
  • Vale anche la pena di notare un metodo semplice, poco costoso e accurato: si tratta di un esame del sangue per determinare le molecole che formano il plasmodio della malaria. Questo metodo è anche chiamato - la definizione di proteine ​​del patogeno.

Chi è a rischio?

A rischio sono le donne in gravidanza, i loro bambini non ancora nati e i bambini sotto i 5 anni di età. Anche i turisti che visitano paesi in cui i vettori di zanzare, la malaria e i poveri sono vulnerabili sono vulnerabili.

Trattamento della malaria: un approccio integrato

È molto importante non stabilire un trattamento prima di fare una diagnosi. Una volta che è stata fatta la diagnosi di malaria, deve essere immediatamente avviato un trattamento antimalarico appropriato. Il trattamento dovrebbe essere basato su tre punti principali:

  • tipo stabilito di plasmodium;
  • condizione clinica del paziente;
  • La suscettibilità del parassita al farmaco è determinata dall'area geografica in cui è stata acquisita l'infezione e dall'uso precedente di farmaci antimalarici.

L'installazione di una diagnostica del plasmodio è importante per i seguenti motivi:

  1. In primo luogo, le infezioni da P. falciparum e P. knowlesi possono causare una grave malattia progressiva o morte, mentre altre specie, P. vivax, P. Ovale o P. malariae, hanno meno probabilità di causare gravi manifestazioni.
  2. In secondo luogo, P. vivax e P. ovale richiedono anche un trattamento aggiuntivo per uccidere particolari forme di ipnozoiti, che rimangono latenti nel fegato e possono causare una ricaduta dell'infezione.
  3. Infine, P. falciparum e P. vivax hanno diversa resistenza ai farmaci in diverse regioni geografiche. Per le infezioni di P. falciparum e P. knowlesi, l'inizio urgente di una terapia appropriata è particolarmente importante.

Stato del paziente clinico:

I pazienti con diagnosi di malaria sono generalmente classificati come non complicati o di forma grave. I pazienti con diagnosi di malaria non complicata possono essere trattati efficacemente con appropriati farmaci antimalarici per via orale.

Tuttavia, i pazienti con uno o più dei seguenti criteri clinici:

  • disturbo di coscienza / coma;
  • grave anemia normocitica [emoglobina

Malaria: cause, sintomi, diagnosi, trattamento e prevenzione

La malaria comprende un gruppo di malattie infettive acute che vengono trasmesse principalmente attraverso il sangue. Varianti dei nomi: febbre intermittente, paludismo, febbre palustre. I cambiamenti patologici sono causati dalle zanzare anofele, accompagnate da danni alle cellule del sangue, attacchi di febbre, ingrossamento del fegato e milza nei pazienti.

Aspetti storici

L'obiettivo storico di questa malattia è l'Africa. Da questo continente, la malaria si è diffusa in tutto il mondo. All'inizio del XX secolo, il numero di casi era di circa 700 milioni all'anno. Uno su 100 infetto stava morendo. Il livello di medicina nel XXI secolo ha ridotto l'incidenza a 350-500 milioni di casi all'anno e ridotto la mortalità a 1-3 milioni di persone all'anno.

Per la prima volta, la malaria fu descritta come una malattia separata nel 1696, quando la medicina ufficiale dell'epoca suggerì di trattare i sintomi della patologia con la corteccia di china, che è stata usata dalla medicina popolare per lungo tempo. L'effetto dell'azione di questo medicinale non può essere spiegato, perché in una persona sana, hina, una volta presa, causava disturbi come la febbre. In questo caso è stato applicato il principio del trattamento del simile, che nel XVIII secolo è stato predicato da Samuel Hahnemann, il fondatore dell'omeopatia.

Il nome della malattia, che ci è familiare, è noto dal 1717, quando il medico italiano Lancini stabilì la causa dello sviluppo della malattia, proveniente dall'aria "putrefatta" delle paludi (malaria). Allo stesso tempo c'era il sospetto che le zanzare fossero responsabili della trasmissione della malattia. Il 19 ° secolo ha portato molte scoperte nell'individuare le cause della malaria, descrivendo il ciclo di sviluppo e classificando una malattia. Gli studi microbiologici ci hanno permesso di trovare e descrivere l'agente eziologico dell'infezione, che è stato chiamato il plasmodio malarico. Nel 1897, I.I. Mechnikov ha introdotto il patogeno della patologia nella classificazione dei microrganismi come il Plasmodium falciparum (una classe di spore, tipo di protozoi).

Nel 20 ° secolo, sono state sviluppate medicine efficaci per il trattamento della malaria.

Dal 1942, P.G. Müller ha proposto l'uso di un potente DDT per insetticidi per trattare la zona dei focolai della malattia. A metà del 20 ° secolo, grazie all'attuazione del programma globale di eradicazione della malaria, è stato possibile limitare l'incidenza a 150 milioni all'anno. Negli ultimi decenni, un'infezione adattata ha lanciato un nuovo attacco contro l'umanità.

Agenti causali della malaria

In condizioni normali, la malaria umana viene trasmessa da 4 tipi principali di microrganismi. Descrive i casi di infezione da questa malattia in cui gli agenti patogeni non sono considerati patogeni per l'uomo.

La classica clinica della malaria è causata da:

  • P. vivax (plasmodium vivax) - un tipo di plasmodium malaria tre giorni;
  • malaria (plasmodium malaria) - l'agente eziologico della variante della malaria di quattro giorni;
  • falciparum (plasmodium falciparum) - un microbo che dà origine alla malaria tropicale;
  • P. ovale (Plasmodium oval) è un parassita che causa ovalimilaria (come tre giorni).

Peculiarità del ciclo di vita del plasmodio della malaria

L'agente eziologico della malattia passa attraverso due fasi del suo sviluppo:

  • sprorogoniya - sviluppo dell'agente patogeno al di fuori del corpo umano;
  • schizogony

Sprorogoniya

Quando una zanzara (femmina di Anopheles) morde una persona che è un portatore di cellule germinali di malaria, entra nello stomaco dell'insetto, dove si verifica la fusione dei gameti femminile e maschile. Un uovo fecondato viene inserito nella sottomucosa dello stomaco. C'è maturazione e divisione del plasmodio in via di sviluppo. Più di 10mila forme di sviluppo (sporozoiti) penetrano nell'emolinfa dell'insetto dal muro distrutto.

La zanzara d'ora in poi è contagiosa. Quando un'altra persona morde, gli sporozoiti entrano nel corpo, che diventa l'ospite intermedio di un microrganismo in via di sviluppo. Il ciclo di sviluppo nel corpo di una zanzara dura circa 2-2,5 mesi.

schizogony

In questa fase si osserva:

  • Fase del tessuto Gli sporozoiti penetrano nelle cellule del fegato. Lì da loro trofozoiti - schizonti - merozoiti - si sviluppano costantemente. Il palco dura dai 6 ai 20 giorni, a seconda del tipo di plasmodio. Diversi tipi di patogeni della malaria possono essere impiantati nel corpo umano allo stesso tempo. La schizogonia può manifestarsi immediatamente dopo l'introduzione o dopo un po 'di tempo, anche dopo mesi, il che contribuisce al ripetuto ritorno degli attacchi di malaria.
  • Fase eritrocitaria I merozoiti penetrano nell'eritrocita e si trasformano in altre forme. Da loro si ottengono da 4 a 48 merozoiti, quindi avviene la morulazione (uscita dall'eritrocito danneggiato) e la reinfezione di eritrociti sani. Il ciclo si ripete. La sua durata a seconda del tipo di plasmodio è da 48 a 72 ore. Alcuni dei merozoiti si trasformano in cellule germinali, che infettano una zanzara che morde una persona, trasmettendo l'infezione ad altre persone.

Nota: in caso di infezione da malaria, non da zanzare, ma da trasfusioni di sangue contenenti merozoiti di plasmodium, solo una fase di eritrocita si verifica in una persona infetta.

In dettaglio, il ciclo di vita del plasmodio è descritto nella recensione video:

Come si presenta la malaria?

La fonte di un'infezione da malaria è una persona malata o un portatore delle cellule germinali del plasmide (gametociti). L'infezione si verifica dal morso di un portatore di malattia - femmina zanzara Anopheles. In totale, sono conosciute circa 80 specie di questi parassiti. Inoltre, la trasmissione della malattia può verificarsi durante le procedure mediche (trasfusione di sangue).

I bambini sono particolarmente suscettibili alle infezioni. L'incidenza nei fuochi è molto alta. Alcune persone hanno resistenza alla malaria. Soprattutto si sviluppa dopo ripetute infezioni. L'immunità non viene mantenuta per tutta la vita, ma solo indefinitamente.

Nota: La malaria ha un esordio stagionale. Estate e mesi caldi sono i più favorevoli per i portatori di infezione. Nei climi caldi, la malattia può verificarsi durante tutto l'anno.

La malaria si verifica in determinati punti focali, il cui monitoraggio consente di prevedere l'inizio di un'ondata stagionale, il suo massimo e l'attenuazione.

Nella classificazione delle lesioni sono suddivisi in:

  • mare;
  • le pianure;
  • colline e il fiume;
  • relativamente piatta;
  • Fiume di media montagna.

L'intensità della trasmissione e diffusione della malaria è stimata in base a quattro tipi:

  • gipoendmichesky;
  • mezoendemichesky;
  • iperendemiche;
  • goloendemichesky.

Il tipo goloendemico ha il massimo rischio di infezione ed è caratterizzato dalle forme più pericolose della malattia. Il tipo ipoendemico è peculiare ai singoli (sporadici) casi di malaria.

Sviluppo della malattia e cambiamenti caratteristici nel corpo

Dopo che i parassiti entrano nel corpo, si verificano le manifestazioni primarie della malattia. Gli sporozoiti provocano la schizogonia tissutale, che corrisponde al periodo iniziale (di incubazione) dello sviluppo delle manifestazioni della malattia.

Nota: le principali reazioni patologiche si verificano a seguito dell'inizio della schizogonia eritrocitaria.

Il rilascio di parassiti nel sangue dopo la distruzione dei globuli rossi (misurazione) è accompagnato dalla circolazione di prodotti di degradazione delle proteine ​​che causano allergie e dall'effetto sul centro di termoregolazione del corpo.

Le ammine biogeniche rilasciate contribuiscono alla distruzione della parete vascolare, causano disturbi elettrolitici, irritazione del sistema nervoso. Molti componenti dell'attività vitale del plasmodia possiedono proprietà tossiche e contribuiscono allo sviluppo di anticorpi contro di essi, complessi immunoglobulinici protettivi.

Il sistema immunitario risponde attivando le proprietà protettive del sangue. Come risultato della fagocitosi (distruzione e "consumo" di cellule malate), inizia la distruzione dei globuli rossi danneggiati, causando anemia negli esseri umani, nonché un aumento della funzione della milza e del fegato. Il contenuto totale di globuli rossi (eritrociti) è ridotto.

Clinicamente, in queste fasi una persona ha vari tipi di febbre. Inizialmente sono di natura irregolare, non ciclica, ripetuti più volte al giorno. Quindi, come conseguenza dell'azione delle forze immunitarie, si preservano una o due generazioni di plasmodi, che causano attacchi di febbre dopo 48 o 72 ore. La malattia acquisisce un caratteristico andamento ciclico.

La risposta immunitaria aumenta, affronta un eccesso di cellule anormali e col passare del tempo la clinica della febbre si attenua, arriva un periodo di remissione (abbattimento della malattia), così che dopo, dopo 1-3 mesi, l'attacco del parassita che si ripete si ripete di nuovo.

Nota: il processo di invasione può durare da 1 anno a diversi decenni, a seconda del tipo di agente patogeno. L'immunità dopo la malattia è instabile. Spesso ci sono infezioni ripetute, ma con loro la febbre è lieve.

Sullo sfondo della malaria, i processi patologici si verificano nel cervello, compaiono sintomi di edema e danni alle pareti delle piccole navi. Il cuore soffre anche, in cui si verificano gravi processi distrofici. La necrobiosi si forma nei reni. La malaria colpisce l'immunità, causando lo sviluppo di altre infezioni.

Sintomi della malaria

La malattia si verifica con periodi di esacerbazioni di febbre e stato normale.

Principali sintomi della malaria:

  • attacchi di febbre (brividi, febbre, sudorazione);
  • anemia (anemia);
  • milza e fegato ingrossati (epatosplenomegalia);
  • riduzione del numero di globuli rossi, piastrine (pancitopenia).

Come con la maggior parte delle malattie infettive, esistono tre forme di severità della malaria: lieve, moderata e grave.

L'esordio della malattia è improvviso. È preceduto da un periodo di incubazione (il tempo dall'infezione alla comparsa della malattia).

È a:

  • vivax-malaria - 10-21 giorni (a volte fino a 10-14 mesi);
  • malaria di quattro giorni - da 3 a 6 settimane;
  • malaria tropicale - 8-16 giorni;
  • malaria ovale - 7-20 giorni.

Qualche volta c'è un periodo prodromico (il momento dell'esordio della malaria, accompagnato da sintomi iniziali e lievi). Il paziente ha - debolezza, agghiacciante, sete, bocca secca, dolore alla testa.

Quindi compare una febbre anomala.

Nota: La prima settimana del periodo febbrile è caratterizzata da attacchi che si verificano più volte al giorno. Nella seconda settimana, i parossismi acquisiscono un chiaro andamento ciclico con ripetizione a giorni alterni o in due (con febbre di quattro giorni)

Come agisce la febbre

La durata del parossismo da 1-2 ore a 12-14 ore. Un periodo più lungo è determinato dalla malaria tropicale. Può durare un giorno o anche più di 36 ore.

Le fasi dell'attacco:

  • brividi - dura 1-3 ore;
  • calore - fino a 6-8 ore;
  • sudorazione eccessiva.

Reclami e sintomi nel parossismo della malaria:

  • ipertermia - fino a 41 ° C;
  • forte mal di testa;
  • dolore muscolare;
  • Spesso c'è vomito, forti capogiri;
  • agitazione generale;
  • dolore lombare;
  • arrossamento e sclera facciali;
  • impulso rapido;
  • la pressione sanguigna è ridotta;
  • la pelle è calda e secca;
  • mani e piedi freddi;
  • sulle facce mucose - una manifestazione di eruzioni erpetiche;
  • il fegato e la milza sono ingranditi.

Dopo che la sudorazione viene a dormire. Nel periodo interictale, i pazienti sono in grado di lavorare, ma col tempo il decorso della malattia peggiora, la loro perdita di peso, l'ittero, la pelle diventa giallastra.

La malaria tropicale è la più grave.

Nel suo caso, vengono aggiunti i seguenti sintomi della malaria:

  • forte dolore alle articolazioni e in tutto il corpo;
  • segni caratteristici della meningite;
  • stato di coscienza delirante;
  • attacchi d'asma;
  • vomito frequente con sangue;
  • marcato aumento del fegato.

Nella prima settimana della malattia, le convulsioni possono verificarsi sovrapposte l'una all'altra. Alcuni mesi dopo l'inizio della malattia, i parossismi iniziano a ripresentarsi, ma in una forma più lieve.

Di tutte le forme di malaria descritte, il vivax è più facilmente segnalato. Il maggior numero di recidive è osservato nella malaria di Chesson (forma del Pacifico).

Fai attenzione: descritti casi di fulmine, che hanno portato alla morte per gonfiore del cervello entro poche ore.

Complicazioni della malaria

Nei pazienti debilitati o non trattati, così come in caso di errori di trattamento, possono manifestarsi le seguenti complicanze:

  • malaria coma;
  • sindrome di edema;
  • emorragia estesa (emorragia);
  • diversi tipi di psicosi;
  • rene e insufficienza epatica;
  • complicanze infettive;
  • rottura della milza.

Una complicazione separata della malaria dovrebbe essere osservata la febbre emoglobinurica. Si sviluppa sullo sfondo di una massiccia riproduzione di plasmodia, se trattata con farmaci, a causa della distruzione dei globuli rossi (emolisi). Nei casi gravi di questa complicanza, una progressiva diminuzione della formazione di urina si aggiunge ai sintomi generali e alle lamentele di un attacco di malaria. Si sviluppa rapidamente insufficienza renale, spesso con esito fatale precoce.

Diagnosi di malaria

La malaria è determinata sulla base di:

  • raccolta di dati anamnestici - un'indagine identifica la malaria preesistente, i casi di trasfusione di sangue a un paziente;
  • storia epidemiologica - la residenza del paziente in aree con focolai esistenti della malattia;
  • segni clinici - la presenza di reclami caratteristici e quadro sintomatico della malaria;
  • metodi diagnostici di laboratorio.

I primi tre punti sono discussi in dettaglio nell'articolo. Tocca sui metodi dei test di laboratorio.

Questi includono:

  1. emocromo completo. L'attività vitale della malaria di Plasmodium provoca nel sangue una diminuzione del livello di emoglobina, una diminuzione del numero di globuli rossi, un indicatore di colore. Anche il volume dei globuli rossi è al di sotto dei tassi normali.
  2. Analisi delle urine. La comparsa di emoglobina nelle urine (emoglobinuria) ed eritrociti (eritrocituria).
  3. Analisi del sangue biochimica. Questo tipo di studio rivela un'aumentata attività delle transaminasi (ALT, AST), un aumento del numero di bilirubina (entrambe le frazioni) e un aumento del livello di albumina.

Conferma della diagnosi con metodi specifici

Per confermare la diagnosi, il sangue viene esaminato usando il metodo "goccia spessa" e "striscio".

L'analisi consente di determinare:

  • tipo di plasmodium di malaria;
  • fase di sviluppo;
  • il livello di invasività (il numero di microbi).

L'invasività è stimata a 4 gradi (nei campi di vista del microscopio):

  1. IVgrado di - Fino a 20 celle per 100 campi.
  2. IIIgrado di - 20-100 Plasmodia su 100 campi.
  3. IIgrado di - non più di 10 in un campo;
  4. iogrado di - più di 10 in un campo.

Il metodo è abbastanza semplice, economico e può essere spesso utilizzato per monitorare le condizioni e l'efficacia del trattamento del paziente.

L'analisi "goccia leggera" viene assegnata come supplemento a quella precedente in caso di diagnosi differenziale necessaria.

Un metodo diagnostico espresso è l'analisi immunologica della definizione di specifiche proteine ​​del plasmodio della malaria. Tenuto negli scoppi della malaria tropicale.

Test sierologici per la malaria

Il materiale è sangue venoso.

L'obiettivo è individuare anticorpi contro la malaria.

Valutazione del risultato - un titolo inferiore a 1:20 - analisi negativa; più di 1:20 - positivo.

Reazione a catena della polimerasi (PCR)

Il test è specifico e consente di determinare la malaria nel 95% dei casi. Sangue venoso usato. Il punto negativo: l'alto costo. Richiesto in caso di dubbio.

Viene anche utilizzato lo screening delle zanzare per la presenza di cellule di malaria di Plasmodium.

Trattamento della malaria

I moderni metodi di trattamento della malaria sono molto efficaci. Sono mostrati in diversi stadi della malattia. Oggi è stato sviluppato un gran numero di farmaci che possono far fronte alla malattia anche in situazioni trascurate. Soffermiamoci sui principi del trattamento e sulla descrizione dei principali gruppi di farmaci.

Nota: La terapia deve essere iniziata immediatamente dopo la diagnosi in un ospedale per malattie infettive.

Gli obiettivi del trattamento della malaria sono:

  • distruzione di plasmodium patogeno nel paziente;
  • trattamento delle complicanze associate;
  • prevenire o attenuare la clinica ricorrente;
  • stimolazione dell'immunità specifica e non specifica.

Gruppi di trattamento farmacologico per la malaria

I principali gruppi di farmaci includono:

  1. Il quinolilmetanolo è un derivato di chinino, delagil, plaquenil, liam, primakhin.
  2. Biguanidi - Bigumal.
  3. Diaminopirimidine - Daraprim.
  4. Terpenlaktony - Artezunat.
  5. Hydroxynaphthoquinones - Mepron.
  6. Sulfamidici.
  7. Antibiotici tetracicline.
  8. Linkosamides - Clindamicina.

I malaria necessitano di cure. Dieta - 15 tavoli secondo Pevzner durante i periodi di remissione e 13 tavoli durante il periodo febbrile. Si consiglia - carne magra e pesce, uova alla coque, cereali, kefir, ryazhenka, verdure bollite, frutta fresca grattugiata, succhi di frutta, bevande alla frutta, cracker, miele.

Misure preventive

Il lavoro preventivo viene effettuato sul sito di infezione attraverso l'uso di zanzariere, insetticidi, che vengono utilizzati per trattare i luoghi in cui si accumulano le zanzare. A casa, è necessario utilizzare repellenti, aerosol e unguenti che respingono le zanzare e causano la loro morte.

Se si sospetta una possibile infezione, i farmaci vengono assunti in dosi prescritte dallo specialista in malattie infettive.

La profilassi del vaccino è attualmente in fase di sviluppo.

Le persone che si trovano in epidemia, quando si verifica una temperatura elevata, sono soggette ad isolamento e esame di laboratorio. Il trattamento precedente è iniziato, migliore è il risultato. Le persone provenienti da paesi con focolai di malaria dovrebbero essere esaminati. Coloro che sono stati ammalati devono essere osservati da un medico infettivo per 3 anni.

Per ulteriori informazioni sull'agente causale della malaria, sui sintomi della malattia e sui moderni metodi di trattamento, riceverai una recensione video:

Lotin Alexander, radiologo

11,731 visualizzazioni totali, 1 visualizzazioni oggi

Articoli Simili Su Parassiti

Toxoplasma gondii: cos'è? Infezione da Toxoplasma gondii, sintomi e trattamento della toxoplasmosi nell'uomo
Roundworm nei bambini - segni e modi di infezione, diagnosi, terapia antielmintica e prevenzione
Come capire che ci sono parassiti nel corpo: i sintomi ei segni dei vermi